Seguici su

Cerca nel sito

Francesco Marrai gonfia vele e cuore alla Princesa Sofia Iberostar, arriva l’oro nella Laser Standard

Primo centro stagionale, in fase continentale. Sul traguardo gira gli occhi e vede Hanson lontano. La Laser è sua

Francesco Marrai gonfia vele e cuore alla Princesa Sofia Iberostar, arriva l’oro nella Laser Standard

Il Faro on line – Prima uscita europea, per Francesco Marrai, nella sua Classe Olimpica. Il velista, del IV Nucleo Atleti delle Fiamme Gialle di Gaeta, è salito sul primo gradino del podio, dopo una settimana intensa di regate, alle Isole Baleari.

Protagonista della competizione Eurosaf Champions Sailing Cup, insieme a 900 atleti iscritti e provenienti da tutto il mondo, Marrai è arrivato sesto, alla Medal Race, finale. Grazie al piazzamento dell’inglese Elliot Hanson, giunto decimo, ha trionfato in uno degli appuntamenti più prestigiosi, della stagione internazionale. Come avversario diretto, per il titolo conquistato alla fine della manifestazione, Hanson ha lasciato il passo a Marrai, nella Medal ed il velista gialloverde ha conquistato la Princesa: “Una vittoria arrivata all’ultimo secondo – ha dichiarato Francesco, come indicato dalla news diffusa dal sito ufficiale delle Fiamme Giallequindi, certamente più bella”. Racconta poi, Marrai, come ha vissuto il momento prezioso della consapevolezza. In quell’istante, ha compreso di aver vinto. Lui lo descrive in questo modo: “Una volta raggiunto il traguardo, mi sono voltato. Ho visto che Hanson era ultimo e allora, ho festeggiato, in tutti i modi possibili!”. Era raggiante, l’olimpionico di Rio 2016, appena sceso dalla barca.

Per tutta la settimana, è stata difficile la gara ed anche il vento, ci ha messo del suo. Ha cercato allora, Francesco di limitare i vari bassi, come lui li racconta: “Possono sempre esserci – ha detto, continuando – sono riuscito a rimanere tuttavia costante ed alla fine, sono entrato in Medal, con un buon punteggio. Molto vicino al primo”. Ha regato fino in fondo Marrai e si è giocato una buona chance. Adesso, nel suo palmares, brilla anche il primo posto, nella competizione spagnola: “Sono molto felice per questa vittoria. Stiamo lavorando bene e soprattutto questo, è il modo migliore per iniziare questo nuovo quadriennio verso Tokyo 2020”. Come la vela, anche per le altre discipline sportive, in cui gli atleti tricolori sono impegnati in questo periodo, è così. L’obiettivo è la preparazione verso i prossimi Giochi Olimpici.

Ecco, perché è fondamentale la conquista della 48esima edizione del Trofeo Princesa Sofia Iberostar. Il 24enne gialloverde si è fatto trovare pronto, in un periodo di forma per lui, ottimale. Solo un paio di settimane or sono, Marrai ha vinto il suo sesto titolo italiano, ad Ostia, al Campionato Italiano Classi Olimpiche. Ancora dunque, in questa massima categoria della vela mondiale, Marrai ha conquistato un risultato importante per il movimento azzurro e per le Fiamme Gialle.

Insieme a lui, presenti a Palma di Maiorca, hanno domato vento ed onde, anche altri atleti gialloverdi. Sono arrivati anch’essi in finale, ma senza conquistare i primi tre posti, della classifica finale. Ruggero Tita, in squadra, nel Catamarano per equipaggi misti Nacra 17, con Caterina Banti, del Cc Aniene, è arrivato ottavo. Un esordio non male, per loro, che al debutto di competizione, hanno scritto nome e regata, tra i primi 10 arrivati, mettendo a segno, per la gara di giornata in mare, due primi posti. Marta Maggetti, invece, nell’Rs:X femminile, ha chiuso in nona posizione, dopo essere stata una delle guide in cima, della classifica della Princesa.