Seguici su

Cerca nel sito

Canottaggio, l’Italia Team in grande spolvero, al Meeting Nazionale di Piediluco

Vicino e Lodo vincono nel due senza. L’equipaggio maschile del 4 senza sale sul gradino più alto. Mercoledì 5 aprile, presentazione del Memorial D’Aloja

Canottaggio, l’Italia Team in grande spolvero, al Meeting Nazionale di Piediluco

Il Faro on line – Primo appuntamento in calendario, centrato, per il canottaggio azzurro. Il 2 aprile, nelle acque del Lago di Piediluco, si è concluso il primo Meeting Nazionale, del quadriennio olimpico, direzione Tokyo 2020.

Di fronte, al Centro Nazionale di Preparazione Olimpica, è stato un passaggio importante, per testare remi, volontà e forma, in vista, dei prossimi impegni internazionali. Uno imminente, che sarà presentato il prossimo 5 aprile, è il consueto ed emozionante Memorial Paolo D’Aloja, dove gli azzurri incontreranno le nazionali di tutto il mondo.

Intanto, al Meeting tricolore, gli equipaggi in gara hanno dimostrato di valere e di saper competere, per un Italia Team in grande spolvero. In questo caso, gli olimpionici Giuseppe Vicino e Matteo Lodo si sono imposti nel due senza, Romano Battisti lo ha fatto nel singolo, mentre Giovanni Abagnale, Marco Di Costanzo, Matteo Castaldo e Domenico Montrone, lo hanno fatto nel 4 senza. Nel doppio pesi leggeri, hanno vinto Marcello Milani ed Andrea Micheletti, mentre nella stessa specialità, però nella categoria femminile, è salita sul gradino più alto del podio, Valentina Rodini. Sempre nella categoria femminile, la prestazione di Giorgia Pelacchi e Ludovica Serafini hanno primeggiato nella specialità olimpica, del due senza e successivamente, le loro colleghe azzurre, Caterina Di Fonzo e Aisha Rocek, hanno partecipato con esse, alla competizione del 4 senza, vincendo anche lì. Tutta sola, verso il traguardo, è andata invece Kiri Tontodonati, che ha messo al collo, l’oro nella sua gara del singolo ed insieme poi, a Stefania Gobbi, ha conquistato l’oro, anche nel doppio. Allegra Francalacci e Giovanna Schettino sono state prime, nel doppio leggero.

Nella categoria invece dei junior, sono state particolarmente visionate le gare in vista proprio del D’Aloja. In questo caso, i giovani canottieri tricolori hanno dimostrato di poter fare il loro ingresso, in questa competizione importante. E’ di abitudine, per il canottaggio di casa. Gli atleti azzurri e sin da giovani, hanno avuto sempre una grande tradizione, in vista di successi futuri. Allora, le specialità del singolo, del doppio e del due senza hanno dato indicazioni preziose. A livello maschile, c’è stata la vittoria del giovane Danilo Amalfitano, nel singolo, mentre nel doppio, hanno brillato Nunzio Di Colandrea e Luca Zemolin. Nel due senza, hanno vinto Raffaele Serio e Gennaro Zenna.

Per le giovani atlete, sono state vinte due medaglie d’oro. Il primo è arrivato da Giulia Mignemi, nel singolo, mentre nel doppio, la stessa Giulia ha messo al collo, la massima medaglia, insieme a Silvia Crosio. Nel due senza, hanno ottenuto il primo gradino, Khadija Alajdi El Idrissi e Letizia Tontodonati.

 

Foto : Enrico Artegiani – Federazione Italiana Canottaggio