Seguici su

Cerca nel sito

Fare Rete #SantaMarinella, ‘Alziamo la qualità della vita in città’

L'impiantistica sportiva è abbandonata, l'allarme dell'associazione locale

Fare Rete #SantaMarinella, ‘Alziamo la qualità della vita in città’

Il Faro on line – “C’è chi corre affrontando il bellissimo lungomare Marconi, marciapiede senza soluzione di continuità arredato dal mare, c’è chi approfitta di un buco nella rete a proprio rischio e pericolo e va a correre sul relitto della pista d’atletica di via delle Colonie. Santa Marinella ha fame di impianti sportivi. Due mandati dello stesso Sindaco hanno regalato ai cittadini un inutile progetto di una fantomatica “Città dello Sport” e l’abbandono di tutta l’impiantistica cittadina. C’è molto da fare. Lo sport significa cultura, salute, socializzazione, interesse, crescita, carriera, opportunità, sviluppo e la Città ne ha bisogno” – lo dichiara in una nota Fare Rete Santa Marinella.

Hanno bisogno di sport i suoi abitanti più giovani come quelli adulti e anziani. Hanno bisogno di impianti efficienti le scuole, le famiglie e tutti quelli che ricavano il proprio reddito dall’indotto sportivo. C’è bisogno di proposte e che queste proposte siano realizzabili. C’è bisogno che chi ha consentito lo sfascio paghi, per un motivo di dignità e di diritto. C’è bisogno che la fiducia che i Cittadini hanno perso nei confronti delle istituzioni passi anche attraverso il risarcimento di un danno che pesa da troppo tempo sulle famiglie di Santa Marinella”.

“La nostra proposta prevede una migliore tutela dell’impiantistica sportiva cittadina che passi anche attraverso un sistema di affidamenti più rigido e garantito. Prevede anche la creazione di mini impianti, playground o streetplay per ogni Rione cittadino, a disposizione gratuitamente di chiunque li voglia usare, liberi da affidamenti o laccioli di qualsiasi tipo. Lo sport è un diritto, la pratica dello sport a qualsiasi livello è una risorsa di benessere. Alzare la qualità della vita a Santa Marinella passa anche attraverso la pratica sportiva diffusa” – conclude la nota.