Seguici su

Cerca nel sito

#Cerveteri, Marini ‘Noi, il Partito Democratico: la risposta più seria e credibile al fallimento di Pascucci’

Il candidato sindaco: "Provate a spiegare queste contraddizioni, provate a spiegare il motivo per cui su tante cose avete cambiato radicalmente idea"

#Cerveteri, Marini ‘Noi, il Partito Democratico: la risposta più seria e credibile al fallimento di Pascucci’

Il Faro on line – “Cari amici di Governo Civico, io non lancio sassi né ritraggo la mano. Molto più semplicemente, denuncio quel che vedo e dico quel che penso. E quello che vedo è molto semplice: la vostra grande difficoltà, di fronte a cinque anni che segnano il fallimento di un’esperienza in cui tanti cittadini avevano creduto, o comunque guardato con curiosità e fiducia. Compreso il sottoscritto.
Oggi i vostri peggiori avversari sono proprio quei cittadini che per troppo tempo avete preso in giro, stressato, a volte addirittura umiliato. Non siete stati capaci di risolvere nemmeno quelle piccole cose che però segnano la qualità della vita di tutti i giorni. Ma davvero pensate che rattoppare qualche buca a ridosso delle elezioni possa cancellare il disastro di tanti anni di vergognosa incuria?” – lo dichiara in una nota Juri Marini del Partito Democratico.

“Avete tradito molte delle vostre più importanti promesse. All’inizio della vostra avventura avete condotto battaglie durissime contro le colate di cemento e contro il centro commerciale, e poi adesso, alla fine del vostro percorso, state per realizzare proprio un nuovo centro commerciale, di ben 16 ettari, per altro a danno della zona artigianale che la città inseguiva da decenni. Quali inconfessabili interessi vi hanno indotto a cambiare idea in modo così radicale? Avete parlato di trasparenza e invece, a quanto pare, tenete chiusi nei cassetti progetti urbanistici che però, i vostri amici costruttori, stanno già pubblicizzando sui loro siti internet. Ma insomma, i progetti di queste nuove case esistono oppure no? Mentono loro o mentite voi?”.

Mi chiedete a cosa mi riferisca quando parlo di operazioni ai limiti della legalità. Presto detto: mi riferisco all’affare Ostilia. Ci sono diversi documenti pubblici che definiscono la lottizzazione di Campo di Mare, o almeno parte di essa, come una “lottizzazione abusiva”. E la legge, in questo caso, parla chiaro: deve essere acquisita al patrimonio comunale (parliamo solo delle aree, perché invece le proprietà degli edifici sono fatte salve per buona fede)”.

Non c’è possibilità di interpretazione. E’ un dovere di legge. E quindi vi domando: perché non l’avete mai fatto? Il vostro tentativo di sanare ciò che per legge non è sanabile, non è convincente, perché non spiega il motivo della sospensione della legalità in quel tratto di terra tenuta in ostaggio da decenni”.

Provate a spiegare queste contraddizioni, provate a spiegare il motivo per cui su tante cose avete cambiato radicalmente idea, provate a giustificare cinque anni di incuria e degrado urbano. Ma lasciate stare i goffi tentativi di delegittimazione degli avversari: se siete già ridotti a questo, significa che siete già a corto di argomenti. Noi siamo un’altra cosa. Noi rappresentiamo un progetto alternativo al vostro clamoroso fallimento. Noi siamo per la trasparenza e per la difesa dell’identità del nostro territorio. Noi siamo liberi e indipendenti. Noi siamo il Partito Democratico. E, che a voi piaccia o no, lo rivendichiamo a testa alta” – conclude Marini.