Seguici su

Cerca nel sito

Discarica per rifiuti inerti Seipa a Tor Tignosa, al confine con #Pomezia: il Comune esprime parere negativo

Sbizzera: "La conferenza dei servizi è giunta con poco preavviso, rendendoci impossibile la partecipazione"

Discarica per rifiuti inerti Seipa a Tor Tignosa, al confine con #Pomezia: il Comune esprime parere negativo

Il Faro on line – Si è svolta il 4 aprile scorso la conferenza dei servizi in Regione Lazio sul procedimento di Valutazione di Impatto Ambientale (Via) per il progetto di discarica per rifiuti inerti in località Tor Tignosa, ricadente nel Comune di Roma e confinante con il quartiere Roma 2.

Abbiamo sollecitato la società proponente Seipa ad inviarci il progetto ma non ci è mai arrivato – spiega l’Assessore Lorenzo Sbizzera – Inoltre la convocazione per la conferenza dei servizi è giunta con poco preavviso, rendendoci impossibile la partecipazione. Abbiamo comunque inviato le nostre considerazioni e osservazioni rispetto alla realizzazione della discarica in oggetto per delineare l’orientamento della nostra Amministrazione, che si esprime categoricamente contro il progetto”.

Diverse le considerazioni espresse dal Comune di Pomezia dopo un’analisi preliminare. Innanzitutto la vicinanza della discarica alla scuola media dell’I.C. De Andrè, al parco pubblico di via Fiorucci e al centro abitato del quartiere Roma 2, considerati “ricettori sensibili” rispetto al rumore e alle emissioni in atmosfera. A questo si aggiunge l’ “effetto trasporto”, una frequenza di afflusso media prevista di circa 83 camion al giorno di rifiuti inerti da conferire in discarica, che andrebbe ad aggiungersi al traffico pendolare già intenso sulla S.P. Albano-Torvaianica. Inoltre, si legge nella nota inviata alla Regione Lazio, “un siffatto insediamento produttivo influirebbe negativamente sulla rete ecologica locale andando a modificare permanentemente l’attuale matrice paesaggistica ed ecologica di agro romano di pregio”.

“Sebbene il progetto interessi il Comune di Roma – aggiunge il Sindaco Fabio Fucci – Pomezia, in quanto comune confinante, non può permettersi una discarica in una zona già fortemente gravata. La tutela della salute pubblica è la nostra priorità, così come la difesa del territorio e del nostro patrimonio paeasaggistico. Le criticità riscontrate rendono chiara la nostra posizione: il Comune di Pomezia esprime parere negativo e chiede l’interruzione dei termini di conclusione dei lavori della Conferenza dei Servizi”.

Si allega la nota indirizzata alla Direzione Regionale Valutazioni Ambientali e Bonifiche della Regione Lazio.