Seguici su

Cerca nel sito

#Cerveteri, Juri Marini all’attacco, abbassare le tasse adesso è propaganda elettorale

Il candidato sindaco: "Ci vuole una bella faccia di "Speranza" per divulgare con tanta disinvoltura certi proclami"

#Cerveteri, Juri Marini all’attacco, abbassare le tasse adesso è propaganda elettorale

Il Faro on line – “Quando penso alle belle facce degli amici Alessio e Giuseppe, e soprattutto quando leggo i loro meravigliosi annunci alla popolazione, a me viene in mente la faccia di Speranza. Nel senso giachettiano del profilo, ovviamente. Eh sì, perché ci vuole una bella faccia di “Speranza” per divulgare con tanta disinvoltura certi proclami propagandistici. Ma ragazzi, davvero pensate di poter prendere tutti per il naso?” – così in una comunicato il candidato sindaco del Partito Democratico Juri Marini.

“Avete programmato le date dei pur lodevoli incontri con i cittadini proprio a ridosso delle elezioni, inviando a tutti, ma proprio tutti, le letterine in cui avete raccontato le vostre favole, le vostre mezze verità, la vostra propaganda. Non c’è persona che non abbia capito che quella era pura campagna elettorale. Peccato sia stata a nostre spese. Adesso annunciate l’abbassamento della Tosap. Bravi! Io sono d’accordissimo. Però, mi domando: è solo per quest’anno, è solo un’altro giochino demagogico in vista delle elezioni, oppure vi siete davvero convertiti ad una cultura politica meno oppressiva e più liberale?”

“Scusate se mi viene qualche dubbio, ma vi assicuro che non c’è cittadino che non si stia chiedendo per quale misterioso motivo queste tasse non le abbiate abbassate prima. Come tutti, ho ricevuto anche la letterina della Tari. E scopro che avete abbassato pure questa. Wow, bravissimi! Certo, ho ricevuto pure il conguaglio dell’anno scorso. Quella clamorosa batosta non bastava. E vabbè, può succedere. Voglio sperare, però, che almeno stavolta i conti li abbiate fatti bene. Non è che oggi ci fate lo sconto perché ci sono le elezioni e poi la prossima amministrazione si ritrova il buco in bilancio e dovrà inviare un altro bel conguaglio, vero?” – prosegue il Candidato.

“E poi ci sono le strade, il vostro capolavoro, la vostra presa per i fondelli più grande. Cinque lunghi anni di degrado e disagi, e poi oggi, a ridosso delle elezioni, ma tu guarda il caso, meravigliose leccate di catrame liscio e intonso su tutto il territorio. Anzi no, non dappertutto, le strade laterali e di campagna, quelle che si vedono poco, sono rimaste un po’ indietro, come al solito abbandonate al loro destino”

“Però c’è una cosa che vi siete dimenticati: non avete avuto il coraggio di toccare la Multiservizi. Una decina di poltrone di nomina politica che costano alla collettività quasi centocinquantamila euro, ogni singolo anno. Più altre centinaia di migliaia di euro di spese generali per far funzionare una Spa totalmente inutile. Nulla da dire sulle capacità dei professionisti che fino ad oggi hanno fatto egregiamente il loro lavoro. Il punto non è farla funzionare meglio o peggio.”

“La vera domanda è: per quale motivo continuate a spendere tutti quei soldi, quando gli stessi identici servizi, chiudendo quella Spa, potrebbero essere affidati attraverso gare pubbliche e trasparenti e senza licenziare nessuno? Probabilmente la differenza fra un politicante in carriera e un politico al servizio del cittadino sta proprio qui: il politicante vende fumo, chiacchiera tanto ma poi in realtà non cambia nulla, ti abbassa un po’ le tasse a ridosso delle elezioni, e magari poi, con qualche scusa, te le rialza il giorno dopo; il politico al servizio del cittadino invece aggredisce prima di tutto gli sprechi, i costi inutili della politica, per dare servizi migliori e rendere la riduzione delle tasse permanente. E’ una questione di cultura politica. E a sentire gli umori in città, la vostra non ha più speranza” – conclude il candidato sindaco.