Seguici su

Cerca nel sito

#Ostia Protagonista, “Ancora incerto il da farsi su via Domenico Ceccarossi”

Le attività commerciali a un passo dalla chiusura per il drastico calo della clientela dovuto alle condizioni urbanistiche della zona

#Ostia Protagonista, “Ancora incerto il da farsi su via Domenico Ceccarossi”

Il Faro on line – “Da un anno la strada privata di via Domenico Ceccarossi – Infernetto – vive una situazione di grave dissesto urbano, che viene condita con una mancanza di chiarezza da parte dell’Amministrazione sulle vicissitudini che attanagliano questo quadrante del litorale” – lo comunica in una nota Ostia Protagonista.

“Insieme ai residenti locali siamo stati nella giornata di martedì 11 Aprile 2017 presso la stazione dei Vigili Urbani del X Municipio, per chiedere quali esiti aveva portato l’esposto alla Procura della Repubblica sui disagi presenti in questa tratta: abbiamo ricevuto silenzio e risposte vaghe da parte delle forze della Municipali, quando avremmo gradito sapere invece a quale punto sono le trattative tra il Comune e il costruttore per la gestione della strada da parte del Municipio lidense. Ci ritroviamo davanti all’ennesimo muro burocratico, mentre in via Domenico Ceccarossi continuano a esserci incidenti e le attività commerciali presenti qui sono a un passo dalla chiusura per il drastico calo della clientela dovuto alle attuali condizioni urbanistiche della zona”.

“Una situazione di stallo che sta portando ulteriore degrado a quest’area, come nel caso dei marciapiedi e della pista ciclabile che stanno letteralmente collassando per il transito giornaliero di macchine e Suv… il tutto con i rischi che ne corrono, come il rischio d’investimento di un pedone adulto o bambino che cammina in quei punti”.

“Come Ostia Protagonista ci auguriamo che l’Amministrazione non aspetti la tragedia per prendere in attenzione la faccenda e proporre soluzioni, poiché sempre maggiore è il rischio che una macchina o una moto possa cadere in una delle buche qui presenti per la poca illuminazione della tratta” – conclude la nota.