Seguici su

Cerca nel sito

Superbomba in #Afghanistan, uccisi 94 militanti Isis

Nessuna vittima civile, ma a Kabul Karzai guida le polemiche.

Più informazioni su

Superbomba in Afghanistan, uccisi 94 militanti Isis

Il Faro on line – Un grande fungo nero, la terra che trema, un’esplosione di una potenza inaudita che distrugge tutto sul suo passaggio. Questo si vede nel breve filmato distribuito dalle forze armate Usa sulla ‘Madre di tutte le bombe’ (Moab), la devastante bomba GBU-43/B sganciata ieri sulla roccaforte dell’Isis nella provincia di Nangarhar, in Afghanistan, provocando 94 vittime secondo le autorità locali.

Fra di loro vi sarebbero anche quattro comandanti dell’organizzazione guidata dal ‘Califfo’ Abu Bakr al-Baghdadi, ed i cui nomi, precisa un comunicato, sarebbero “Hamza Abubakar, Hamid, Muhammad Ibrani e Walaykin, fratello di Hazeez Saeed”.

Mai usato prima in un conflitto, l’ordigno, di tipo non nucleare, è stato sganciato in una vallata fra due montagne del distretto di Momand Dara, dove i militanti dell’Isis dispongono da tempo di una base all’interno di un groviglio di caverne e tunnel, frutto di una secolare attività di estrazione mineraria.

La Moab, appositamente studiata per distruggere rifugi sotterranei, ha provocato un boato che, secondo i residenti della zona, “non si era mai sentito in oltre 15 anni di conflitto”, avvertito per chilometri anche all’interno del confinante territorio pachistano.

Il governo di Kabul ha confermato in mattinata di “essere stato messo al corrente” dell’operazione, considerata il frutto positivo della “stretta cooperazione fra militari afghani e statunitensi nella lotta al terrorismo”. Il portavoce del ministero della Difesa, Daulat Waziri, ha fornito un bilancio di 36 militanti uccisi, avvertendo però che poteva crescere, e garantendo che non si erano avute vittime civili. Poi il portavoce del governo di Nangarhar, Ataullah Khogyani, ha elevato il numero dei militanti morti a 82, fino a 94.

Queste cifre sono però state contestate dall’agenzia di stampa Amaq, gestita dall’Isis, per la quale “nell’attacco non vi è stata alcuna perdita” tra i jihadisti. C’è da segnalare inoltre che il clima politico afghano, di solito molto omogeneo sulle questioni della lotta al terrorismo, si è pericolosamente arroventato, con dure critiche dell’ex presidente Hamid Karzai e dell’ambasciatore afghano ad Islamabad, Omar Zakhilwal.

L’ex capo dello Stato, in particolare, che sarebbe pronto a ricandidarsi nelle prossime presidenziali, ha condannato senza mezzi termini il lancio della bomba sostenendo che “non si tratta qui di guerra al terrore ma di un pericoloso ed inumano uso del nostro Paese come terreno per testare nuove e pericolose armi”.

Pesante anche il commento dei talebani, che con l’Isis hanno avuto in passato numerose occasioni di scontro proprio nel distretto di Achin. Il portavoce degli insorti, Zabihullah Mujahid, ha stigmatizzato l’operazione Usa come “un attacco perpetrato da criminali internazionali”.

In una conferenza stampa a Kabul, il comandante della Missione ‘Resolute Support’ della Nato e delle USFOR-A, il generale John Nicholson, ha spiegato invece che il lancio della bomba, “arma giusta per l’obiettivo giusto”. Nicholson ha tenuto a smentire che la decisione sia stata influenzata da eventi esterni, come le minacce atomiche della Corea del Nord, e che non si è trattato di un avvertimento per la Russia a non intromettersi in Afghanistan. Ha contato “solo la determinazione di sconfiggere questo gruppo nel 2017”.

 

 

 

Più informazioni su