Seguici su

Cerca nel sito

Asl Rm3, il Consorzio Sit 2000 interrompe il servizio di trasporto utenti diversamente abili

"Gravi problematiche amministrative" per "mancati accordi contrattuali". E i disabili restano a piedi.

Il Faro on line – Dal 19 aprile niente più trasporto utenti diversamente abili della Asl Rm3. Motivo? Gravi problemi amministrativi. E’ l’ennesimo corto circuito amministrativo . Cioè in soldoni mancati pagamenti – che alla fine va a riverberarsi in negativo sugli utenti.

Del caso si è interessato il consigliere regionale Fabrizio Santori che, nelle more di presentare un’interrogazione, ha contattato la dirigenza della Asl per capire meglio la questione.

Ma il quadro è abbastanza chiaro. Con una nota datata 14 aprile, il Consorzio Sit 2000 ha comunicato che dal 19 e fino a data da destinarsi il servizio risulta sospeso “per mancati accordi contrattuali con la Asl Rm3”. L’azienda si scusa con gli utenti “per il grave disservizio causato per problematiche non dipese dalla nostra società”.

Tant’è. I disabili restano a piedi, e questa – comunque la si guardi – è una vergogna per un Paese che vuole definirsi civile.

La comunicazione della sospensione del servizio è stata inviata ufficialmente a tutti i familiari delle  persone assistite e a tutti gli Istituti riabilitativi ex art.26 nel territorio della Asl Rm3.

Dai social, più precisamente da alcuni utenti interessati dal servizio, arrivano ulteriori precisazioni: “A quanto pare la Asl avrebbe pagato, è la ditta che non pagherebbe gli operatori. Alcuni sono mesi che non riceverebbero lo stipendio. La Asl si è già attivata con un’altra ditta e dovrebbe riprendere a breve il servizio…speriamo! E’ un grandissimo disagio per le famiglie e per i centri diurni. Oggi le presenze erano dimezzate”.