Seguici su

Cerca nel sito

Sanità @Regione Lazio, Palozzi (Fi): ‘Audizione e interrogazione su accatastamento studi medici e odontoiatrici’

Presentata dal Consigliere regionale un'interrogazione urgente in commissione sanità con enti Aio, Andi, Omceo

Sanità @Regione Lazio, Palozzi (Fi): ‘Audizione e interrogazione su accatastamento studi medici e odontoiatrici’

Il Faro on line – “Questa mattina ho incontrato i responsabili dell’Aio sezione di Roma, l’Associazione Italiana Odontoiatri, in merito alla delicata questione degli studi medici e odontoiatrici della Capitale”- scrive in una nota Adriano Palozzi, consigliere regionale Fi.

“Preoccupati per l’azione posta in essere dall’Ufficio requisiti autorizzativi e di accreditamento della Regione Lazio per studi esistenti ante 2/2007 – prosegue il Consigliere regionale – che richiede l’aggiornamento della categoria catastale per le unità immobiliari non in linea con le destinazioni d’uso previste dall’Agenzia delle Entrate“,

“Questo – continua il Consigliere – quando tali studi professionali già godono della deroga garantita dalla Regione stessa – con regolamento regionale numero 2 del 26 gennaio 2007 e confermata come ultima dalla nota di chiarimento della Regione Lazio del 14 luglio 2014 -, e indipendentemente se vogliono conseguire o meno l’autorizzazione regionale, tale deroga è vigente per tutte le strutture esistenti ante 2/2007. Non comprendiamo, dunque, le ragioni che hanno condotto l’amministrazione Zingaretti a mutare il suo atteggiamento, che peraltro metterebbe in pericolo l’autorizzazione all’esercizio dell’attività di medici e odontoiatri e potrebbe comportare un enorme contenzioso”.

“Ricordo inoltre che l’Associazione Italiana Odontoiatri ha scritto una lettera di chiarimento alla Regione, chiedendo un incontro immediato sulla questione, a cui sinora non è seguita alcuna risposta. Per questa ragione, ho presentato una interrogazione urgente e una richiesta di audizione in commissione Sanità con tutti gli enti competenti, ivi inclusi Aio, Andi e Omceo” – conclude Palozzi.