Seguici su

Cerca nel sito

#Minturno, il M5S dice no alla mitilicoltura

Il consigliere regionale pentastellato: "La Giunta regionale naviga a vista dimenticando qualsiasi pianificazione e mettendo a rischio la vocazione naturale del territorio"

#Minturno, il M5S dice no alla mitilicoltura

Il Faro on line – “Ancora una volta siamo costretti a rimarcare come destra e sinistra preferiscano rimanere ancorate al ricatto dei privati dimostrando, una volta di più, incapacità politica e inettitudine”.

Ad affermarlo è Gaia Pernarella, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, sollecitata a intervenire dalle associazioni ambientaliste, Italia Nostra, Legambiente, Lega Navale Italiana, incontratesi domenica a Scauri di Minturno con il Sindaco del Comune e il presidente del Parco Regionale Riviera d’Ulisse, per dire no all’istallazione di un impianto di mitilicoltura di 305.000 metri quadrati nello specchio d’acqua antistante la Baia di Monte d’Oro.

“E’ da oltre un anno, attraverso sub emendamenti e question time, l’ultimo a inizio febbraio – spiega il Consigliere Regionale del Movimento 5 Stelle – che chiediamo un intervento chiaro sull’argomento senza che la Giunta Regionale, però, prenda una posizione, così lasciando il mare del Lazio in balia degli imprenditori privati. Ancora una volta siamo costretti ad affermare che la Giunta regionale naviga a vista dimenticando qualsiasi pianificazione e mettendo a rischio la vocazione naturale del territorio: la Regione non ha tuttora una chiara normativa di riferimento”.

“Quello che ha è un articolo riparatore in una legge sulle ville e dimore storiche in cui con un nostro emendamento abbiamo tentato di imporre un adeguamento alla direttiva europea che disciplina l’uso degli specchi marini a fini commerciali: 180 giorni perché la Regione procedesse alla pianificazione. Oltre ad aver inserito che a questa pianificazione venissero preceduti i pareri vincolanti dei Comuni che del proprio territorio devono necessariamente essere attori e responsabili” – continua la Consigliera.

“Sono trascorsi mesi ma nulla è stato fatto favorendo, di fatto anche giudiziariamente, quei privati che hanno interesse solo a garantirsi un proprio vantaggio a discapito, però, dell’intera comunità che già più volte si è espressa in modo fermamente contrario a queste speculazioni. Fino a oggi siamo stati l’unica forza politica a produrre atti sul tema: degli incontri politici nelle segrete stanze dei partiti che compongono il Consiglio Regionale non è dato sapere nulla, se non l’eco di un desolante silenzio” – conclude Pernarella.