Seguici su

Cerca nel sito

Incontro tra Anac e Marina di Capo d’#Anzio finalizzato al bando per il nuovo porto

Progetto per il nuovo porto di Anzio, si discute per le tempistiche e l'inizio dei lavori

Incontro tra Anac e Marina di Capo d’#Anzio finalizzato al bando per il nuovo porto

Il Faro on line – Dopo la pubblicazione, in gazzetta ufficiale e sui siti internet Marina di Capo d’Anzio e Comune di Anzio, della consultazione preliminare di mercato per l’espletamento di gara per il finanziamento e l’esecuzione dei lavori di ampliamento del Porto di Anzio (Fase II – Darsena Nord. Costo Lavori € 20.836.210,09 oltre Iva), si è tenuto venerdì scorso l’incontro tra l’ANAC e la Capo d’Anzio, finalizzato alla condivisione del percorso per l’immediata fase successiva che prevede la pubblicazione del bando di gara.

“E’ stato un incontro positivo – afferma il Sindaco di Anzio, Luciano Bruschini – nel corso del quale è stata definita la tempistica ed il percorso per arrivare, nel più breve tempo possibile, ad avviare i lavori per la realizzazione del nuovo Porto di Anzio”.

“Nuova occupazione, crescita del turismo, sviluppo del territorio e dell’economia del mare: su questo stiamo lavorando, con tutta una serie di altri interventi, per offrire alla Città di Anzio nuove ed importanti opportunità. La Città di Anzio – conclude il Sindaco Bruschini – merita l’impegno e la dedizione per essere protagonista a livello nazionale ed internazionale”.

L’avviso pubblico, con le relative planimetrie, è online sul sito www.marinadicapodanzio.it (Amministrazione Trasparente – sezione Bandi di Gara) e sulla home page del sito comunale www.comune.anzio.roma.it.

Il progetto esecutivo, nelle sue linee essenziali, prevedrà la realizzazione della nuova diga di sottoflutto, la realizzazione del pontile a T, di cui il braccio nord prosegue ed amplia quello esistente a delimitazione della Darsena Pamphili.

Inoltre il progetto prevedrà il “banchinamento” del lato interno della diga di sottoflutto e del pontile a T. il dragaggio dei fondali, la predisposizione del sistema di ormeggi delle unità da diporto, la costruzione di tre nuovi edifici (lo Yacht Club e due locali per i servizi igienici portuali), la realizzazione della passeggiata lungo la banchina, la viabilità dedicata, i parcheggi, le opere a verde e soprattutto la realizzazione di 580 posti barca di classe diversa.