Seguici su

Cerca nel sito

Campionati Italiani di Ginnastica Ritmica, Macaro, ‘Un evento di altissimo livello, una crescita turistica e territoriale per Fondi’

Dal 29 aprile, al 1 maggio, circa 1000 atlete, provenienti da tutto il Paese, parteciperanno al 6° Campionato Nazionale

Campionati Italiani di Ginnastica Ritmica, Macaro, ‘Un evento di altissimo livello, una crescita turistica e territoriale per Fondi’

Il Faro on line – Ospiterà, l’intero mondo italiano della ginnastica ritmica, la città di Fondi. Dal 29 aprile, al 1 maggio, circa 1000 atlete, provenienti da tutto il Paese, parteciperanno al 6° Campionato Nazionale.

La manifestazione, di grande prestigio, sia sportivo che turistico, per la cittadina del litorale laziale, è organizzata dall’Acsi ed è patrocinata dal Comune di Fondi e dal Coni. Nelle tre giornate in programma, si svolgeranno le diverse specialità della ginnastica che ha portato all’Italia, anche molte medaglie olimpiche.

Il 29 aprile, ci sarà il Trofeo Serie A, il giorno dopo, scenderanno sul tappeto, le atlete che tenteranno di conquistare il Gran Prix Serie C ed il 1 maggio, quando si concluderà la competizione, si svolgerà il Trofeo Serie B. Saranno di tutte le categorie, le atlete iscritte al torneo. Dai 6 ai 20 anni, riempiranno il Palazzo dello Sport.

Questa competizione, ricoprirà una grande importanza, soprattutto sotto il profilo turistico. Lo sport lo fa sempre, quando entra nella vita di una città. E a Fondi, le strutture ricettive sono pronte ad ospitare, non solo le atlete, ma anche famiglie, staff tecnici e appassionati della disciplina: “E’ un evento di altissimo livello – ha dichiarato Fabrizio Macaro, capogruppo comunale, nella lista “Io si”, come indicato nel comunicato diffuso – Fondi sarà di nuovo protagonista nello sport, a livello nazionale. Siamo enormemente soddisfatti, come amministrazione.

Oltre ad aver portato, nella nostra località, una competizione importante, su base italiana, consentiremo di incrementare molte attività economiche, che potranno far crescere il proprio lavoro, insieme al territorio”.