Seguici su

Cerca nel sito

Arriva da #Terracina il gelato che ha stregato la giuria tecnica del Festival più grande di Italia

Il nuovo gusto di gelato inventato da Frainetti porta il nome di “Dolce armonia”

Arriva da #Terracina il gelato che ha stregato la giuria tecnica del Festival più grande di Italia

Il Faro on line – Davide “Daddo” Frainetti – classe “95- fa parte di una famiglia che, da generazioni, ormai, gestisce “Caffè del Duomo” una gelateria sita in piazza Municipio a Terracina.

La passione l’ha spinto, seppur abbastanza casualmente, a partecipare alla tappa romana del “Gelato Festival” – la più grande manifestazione nazionale in tale campo-, che si è tenuta alla Terrazza del Pincio (29 aprile- 1 maggio), con una sua nuova creazione: “Dolce armonia.”

Come la sua stessa partecipazione al Festival, pare che questa creazione, sia nata a metà strada tra il gioco e la casualità.

Un gusto che mischia una ricotta di pecora mielata con un infuso di anice stellato e con una farcitura ai frutti di bosco, prodotti tutti rigorosamente freschi.
Un mix che ha stregato non solo il pubblico, ma anche la giuria tecnica (che ha studiato anche la struttura tecnica del componimento e gli ingredienti) che ha deciso di premiare Davide con ben due attestati: Miglior Gelato e Miglior Gusto.

Il giovane Frainetti si dice orgoglioso per la sua creazione, dal gusto sicuramente complicato ma, al contempo delicato, che ha visto avere l’approvazione anche da parte dei più piccini; e si considera felice di aver ricevuto un riconoscimento che non si aspettava di portare a casa.

Vive però, complice la sua giovane età, questo traguardo più come un punto di partenza, che di arrivo.
Promette, infatti, che non smetterà di partecipare a manifestazioni di questo tipo, che, aldilà della vittoria, restano un modo efficace per conoscere e per confrontarsi con altri gelatieri e, quindi, motivo di grande crescita per un ragazzo come lui, che ha sempre voglia di mettersi in gioco e di imparare nuove cose.

Svela, in chiusura, Davide che i suoi più grandi sogni sarebbero quelli, in primis, di conoscere qualche grande maestro del settore e, poi, magari di riuscire a esportare il marchio Frainetti anche all’estero.