Seguici su

Cerca nel sito

#Ardea, smantellata un’attività di riciclaggio di auto rubate foto

I malviventi saranno indagati anche per gravi violazioni in materia ambientale.

Ardea, smantellata un’attività di riciclaggio di auto rubate

Il Faro on line – “La scorsa notte  personale del Nucleo investigativo del Gruppo Carabinieri Forestale di Roma unitamente a Carabinieri Forestali delle Stazioni di Ostia, Palestrina e Rocca di Papa hanno concluso una importante operazione che ha consentito di trarre in arresto, in flagranza di reato, 2 soggetti di etnia rom mentre erano intenti, in un fondo agricolo sito in agro del comune di Ardea, a depredare di tutte le parti interne un’autovettura Mercedes Classe C Amg risultata rubata il giorno precedente a Lido di Lavinio” – così si legge nel comuncato stampa diramato dalla Provinciale Carabinieri di Roma.

“L’attività d’indagine, condotta di iniziativa, è  scaturita dagli accertamenti che, da alcuni giorni, il personale del Nucleo Investigativo del Gruppo Carabinieri Forestale di Roma stava effettuando a seguito del ritrovamento nel medesimo comprensorio di rifiuti abbandonati costituiti da carcasse  di autovetture date alle fiamme una volta depredate di tutte le parti riutilizzabili.

Così, nel corso delle attività mirate al contrasto del fenomeno, i Carabinieri Forestali notavano transitare sulla strada poderale oggetto di attenzione un’autovettura Mercedes Classe C Amg che, a seguito degli accertamenti prontamente disposti, risultava essere stata rubata.

Individuato il luogo dove i malviventi stavano procedendo allo smontaggio dell’autovettura veniva rapidamente organizzato e pianificato l’intervento.

Gli operanti facevano pertanto irruzione nel luogo dove si stava consumando il reato dove sorprendevano 3 soggetti nell’intento di smontare la vettura rubata.

Alla vista dei militari i 3 si davano repentinamente alla fuga. Concluso l’inseguimento due dei tre soggetti, entrambi di etnia rom di anni 29 e di anni 26, venivano bloccati al termine di una breve colluttazione ed immediatamente dichiarati in stato di arresto mentre il terzo, approfittando dell’oscurità, riusciva a darsi alla fuga facendo perdere le proprie tracce nella campagna circostante.

L’immediato controllo ed ispezione dei luoghi condotto dai militari consentiva di rinvenire la predetta autovettura Mercedes alla quale erano già state asportate alcune parti nonché un borsone ed una cassetta pieni di attrezzi idonei allo smontaggio di parti meccaniche e di carrozzeria.

L’autovettura e tutto quanto rinvenuto sono stati immediatamente posti sotto sequestro.

Le attività successive venivano svolte anche con il supporto di una pattuglia del radiomobile della Compagnia di Anzio dell’Arma territoriale, nel frattempo fatta convergere sul posto.

Anche il successivo foto segnalamento dei fermati veniva effettuato presso la predetta Compagnia dell’Arma.

Continuano le indagini dei Carabinieri Forestali del Gruppo di Roma per accertare, tra l’altro, la provenienza illecita delle “carcasse” di autovetture rinvenute nel medesimo comprensorio e di tutti gli altri rifiuti disseminati nei dintorni, ricostruire la filiera del riciclaggio delle parti di autovetture rubate.

Da individuare le responsabilità anche in merito ad altre gravi violazioni in materia ambientale accertate nel corso dell’operazione quali, ad esempio, l’abbandono e la combustione illecita di rifiuti speciali e pericolosi.

I 2 arrestati sono stati tradotti presso il Carcere di Velletri e posti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria – conclude il comunicato.