Seguici su

Cerca nel sito

#Montalto, Lucherini ‘Il palazzo comunale sembra diventato una fortezza privata’

Il candidato sindaco: "La nostra idea di sicurezza è l'attenzione per il cittadino".

#Montalto, Lucherini: “Il palazzo comunale sembra diventato una fortezza privata”

Il Faro on line – “Sicurezza, una parola tanto usata dal sindaco uscente Sergio Caci che già dal 2012 organizzava convegni dove dichiarava che i commercianti e i cittadini vivevano in costante pericolo per furti e dilagante delinquenza come se il paese fosse soggetto ad ogni tipo di criminalità” – lo dichiara lo staff  “Un’altra storia” per Alessandro Lucherini sindaco.

“Allora prospettava addirittura la nascita di uno sportello al quale i cittadini potessero rivolgersi per qualsiasi evenienza anche di piccola entità, come se non ci fossero già le forze dell’ordine a rispondere a certi bisogni.

Dopo 5 anni di amministrazione, il concetto di sicurezza e trasparenza che Caci propagandava si è ridotto a 4 telecamere sparse per il territorio, alcune spesso spente e alla blindatura il Comune con porte elettrificate, videocitofono al suo ufficio e vigilanza continuata che crea un muro tra istituzione e popolazione.

Una “sicurezza” che i cittadini di Montalto e Pescia stanno pagando profumatamente visti gli oltre 65.000 euro liquidati nel solo 2016 alla ditta di vigilanza privata cui è stato affidato direttamente il servizio.

Il Palazzo Comunale più che essere la casa del cittadino sembra diventato una fortezza privata.

E’ questo il concetto di sicurezza che dovrebbe tutelare i cittadini di Montalto e Pescia? Non il nostro.

La sicurezza non deve riguardare una sola persona, ma è mettere in atto azioni preventive ed organizzative adeguate per rendere sicure abitazioni, aree urbane e strade.

Non possiamo non parlare delle centinaia di persone vivono in stato di continuo pericolo alle case ex Enel, lasciate nell’incuria manutentiva e nel completo abbandono.

Nonostante le promesse e le rassicurazioni elettorali della giunta Caci, non è stato messo in atto nessun serio progetto di riqualificazione di quell’area per migliorare la vita dei residenti e l’immagine del territorio.

Non è stato predisposto nessun intervento reale per i bambini, come l’allestimento di un parco giochi, un’area attrezzata per i cani o servizi ai ragazzi come non è stato concretizzato il progetto per la realizzazione di una Chiesa.

Ma soprattutto niente è stato fatto per il pericolo che corrono gli abitanti di quella zona per raggiungere i servizi che si trovano al di là della Castrense.

La nostra idea di sicurezza è l’attenzione per il cittadino in ogni settore, collaborando con le forze dell’ordine e lavorando per rendere migliori le sue condizioni di vita garantendo interventi mirati e concreti che riescano a risolvere i problemi di tutti i giorni, come poter andare a scuola a piedi e senza paure o poter raggiungere la biblioteca e il teatro senza dover rischiare di essere investiti.

Vivere nel decoro.

Il candidato sindaco Alessandro Lucherini nel suo programma di governo si impegna affinché venga realizzato l‘interramento della strada Castrense con la creazione di un sottopassaggio carrabile con sovrastante verde pubblico, servizi e viabilità locale.

Si impegna a collegare Villa Ilvana al centro con marciapiedi e servizi di trasporto. Un concetto di sicurezza, di unità del paese e accesso ai servizi per tutti i cittadini che è totalmente un’altra storia”  – conclude il comunicato.