Seguici su

Cerca nel sito

Santori ‘Il soprallugo nell’ospedale di #Tarquinia ostacolato dalla dirigente Cenci, pronto l’esposto’

Il Consigliere regionale di FdI: "Arroganza e incompetenza: questo è quello che si trova negli ospedali del Lazio"

Santori ‘Il soprallugo nell’ospedale di #Tarquinia ostacolato dalla dirigente Cenci, pronto l’esposto’

Il Faro on line – “E’ gravissimo quanto si è verificato ieri presso l’Ospedale di Tarquinia in provincia di Viterbo dove mi sono recato insieme Massimo Mottola di Fratelli d’Italia Tarquinia per un sopralluogo ai locali del nosocomio, su sollecitazione di pazienti e loro familiari che lamentavano condizioni inadeguate a cure e degenza a causa di lavori di tinteggiatura e rifacimento degli spazi al di fuori di ogni norma di sicurezza e di tutela della salute pubblica”. E’ quanto dichiara Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia.

Il direttore sanitario Fabiola Cenci, candidata nelle liste del Partito democratico proprio di Tarquinia, stava tenendo una riunione con altri medici di base e, saputo della mia presenza, non ha esitato un secondo a mettersi di traverso rispetto al mio sopralluogo, dando in escandescenze, e di fatto limitando i poteri ispettivi e di controllo che rientrano tra le prerogative dei consiglieri regionali”.

“Al direttore sanitario abbiamo chiesto anche notizie circa la chiusura del reparto ostetricia, e la vasca per i parti abbandonata e pagata dal Comune ben 17mila euro. Una vicenda che ha davvero del surreale sia per costi sia per gestione”.

“Un atteggiamento intollerabile – continua il consigliere Santori – che non mi ha impedito di proseguire il mio tour all’interno dell’Ospedale, riscontrando al Pronto soccorso, tra una barella e l’altra in cui i pazienti attendevano le cure, la presenza di operai al lavoro e cavi elettrici penzolanti.

Arroganza e incompetenza: questo è quello che si trova negli ospedali del Lazio – prosegue l’esponente regionale –dove esiste più di un dubbio sull’incompatibilità dei vertici ospedalieri e delle Aziende sanitarie, come avevamo già avanzato per la nomina del Dg Donetti. Dopo l’inconferibile Luigi Macchitella battezzato a forza Commissario straordinario, nel 2015 la nomina della Donetti.

In perfetta continuità con il precedente, che la promosse nel 2008 quando era Direttore del San Camillo, si porta al seguito, purtroppo, anche enormi dubbi sulla legittimità della sua nomina, in particolare sul requisito dei 5 anni di direzione di struttura complessa. Su tutto questo attendiamo ancora dopo 2 anni i chiarimenti del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti che continua senza vergogna a utilizzare gli ospedali per fare le campagne elettorali.

Ovviamente, i fatti avvenuti nell’Ospedale di Tarquinia saranno oggetto di un esposto che depositerò a breve insieme a Massimo Mottola – conclude il consigliere – mentre non si fermeranno i tour di questa sanità ‘malata’ non certo per la professionalità del personale sanitario e medico, ma a causa delle persone scelte dal presidente Zingaretti e dalla sinistra ormai orientata solo ai posti di potere e non ai servizi al cittadino”.