Seguici su

Cerca nel sito

Panico a Torino durante la finale di Champions League, caos e terrore con più di 400 feriti

Grave, un bambino di 7 anni per ferite, da schiacciamento. Ancora da accertare la causa. Forse, la caduta di una transenna o un grande botto percepito. Le indagini sono in corso

Panico a Torino durante la finale di Champions League, caos e terrore con più di 400 feriti

Il Faro on line – Una brutta serata a Torino. Sembra esserci stato un grande boato a Piazza San Carlo, durante la partita della Juve. Si è parlato di una transenna caduta. Di un grande botto o rumore. Anche di una deflagrazione. Ancora è da accertarsi, la causa dello scatenarsi del panico. Ma è stato tuttavia quest’ultimo, a generare lo scenario di desolazione, che si è aperto agli occhi del mondo, nel dopo gara.

Si è parlato anche, di un grave episodio accaduto e sempre, dopo il terzo gol del Real. Non riconducibile al direttamente, al risultato di Cardiff. Almeno, le notizie accorse, non sembrano riportare questo. A SkyTg24, un tifoso della Juve ha parlato persino di un forte tremolio o mitraglietta, sentiti. Il tutto avvenuto nel cuore di Piazza San Carlo. Le testimonianze sono contraddittorie, per una causa, ancora in via di accertamento.

Ciò che è sicuro, è stato certamente il panico scatenato ed è stato quello, il grave fatto accaduto, all’ombra della Mole. A fine partita, ai microfoni di Mediaset Premium, il Presidente Andrea Agnelli ha espresso la sua solidarietà, appena saputo che cosa era accaduto a Torino. E molti hanno parlato anche di un botto enorme, avvenuto accanto al primo blindato della Polizia, nelle vicinanze dell’edicola di Piazza San Carlo. Si è scatenato il caos. Le prime notizie giunte parlavano di una transenna o ringhiera, cadute. Il botto da essa generato ha fatto immaginare il peggio, a chi lì, si trovava. Da quel momento, si è scatenato il caos.

Come testimoniato dalle immagini andate in onda, c’è stata un’onda d’urto, che si è spinta nella direzione opposta, verso il megaschermo allestito. Molte persone sono cadute, franando addosso ad altre e si è innescato un meccanismo, a goccia d’onda. Cruda la vicenda. Molti hanno camminato su altri, per scappare via, dalla paura e dalla zona centrale della città. Molti hanno sentito urlare di una bomba deflagrata, dalla parte sinistra del maxischermo, come ha indicato ancora SkyTg24. Le persone hanno cominciato a correre e fuggendo via, hanno riportato ferite gravi. Zaini, scarpe e occhiali lasciati a terra. Uno scenario da brividi. Le persone hanno cercato di trovare una via di fuga verso il parcheggio sotterraneo. Correndo sulle scale di cemento, molti sono caduti, facendo un volo di un paio di metri. Le ferite riportate sono stati gravi.

Nella notte, è cresciuto il bilancio dei feriti. Più di 400. E’ giunta la notizia di 5 persone gravi, tra quelle ferite, tra le quali anche un bambino di 7 anni, trasportato all’Ospedale Regina Margherita. Sembra essere caduto a terra, oppure aver riportato ferite per schiacciamento. Una donna è stata calpestata nella ressa e poi medicata, alle Molinette. I feriti sono stati trasportati negli Ospedali torinesi e nel circondario. Non riuscivano a contenerli.