Seguici su

Cerca nel sito

#Ostia, Sinistra Italiana ‘Gravi disagi nelle stazioni della Roma – Lido’

Possanzini: ''Una situazione che non può più essere tollerata. Le barriere architettoniche vanno abbattute, senza se e senza ma".

#Ostia, Sinistra Italiana: “Gravi disagi nelle stazioni della Roma – Lido”

Il Faro on line – “Sono state inaugurate in pompa magna poco tempo fa eppure, per le scale mobili presenti all’interno della Stazione di Ostia Antica, i malfunzionamenti, o funzionamenti a giorni alterni, sono oramai un’abitudine quotidiana” – lo dichiara Marco Possanzini, Coordinatore Sinistra Italiana X Municipio.

“Decine di utenti ci hanno contattati per denunciare questa situazione di assoluto disagio e incuria. E’ inaccettabile che delle scale mobili, montate da pochi giorni, siano già guaste e funzionino in modo discontinuo.

Ci chiediamo come mai durante i lavori di installazione e durante i collaudi, nessuno si sia reso conto di questi malfunzionamenti.

Lo stesso accade nelle Stazioni di Lido Nord e di Castel Fusano dove gli ascensori, per i motivi più vari, spesso sono guasti e addirittura interdetti all’uso per un tempo indefinito sebbene le stazioni siano funzionanti e aperte al pubblico.

Ci chiediamo come mai l’Amministrazione comunale, così attenta in campagna elettorale a promettere interventi strutturali relativamente alla nostra ferrovia, sia completamente assente su questo tema e non si preoccupi di verificare cosa accade quotidianamente nelle stazioni della Roma Lido al fine di porvi rimedio.

Del resto, anche sugli interventi di miglioramento della Roma Lido che sarebbero stati a carico dei privati, relativamente alla costruzione dello Stadio della Roma a Tor di Valle, c’è stata un’amplia, quasi totale, sforbiciata della Giunta Raggi.

Allo stesso modo, la mozione presentata dal nostro consigliere comunale Stefano Fassina sul rifacimento del ponte cliclopedonale della Stazione di Ostia Antica, giace in fondo a qualche cassetto. Sull’abbattimento delle barriere architettoniche non faremo sconti a nessuno.

E’ inaccettabile che, una volta calato il sipario elettorale, tutto cambi per non cambiare mai niente” – conclude Possanzini.