Seguici su

Cerca nel sito

Kickboxing, Casella tiene testa al grande Kyshenko, ma esce sconfitto a Bangkok

Nel torneo più affascinante al mondo, il tre volte iridato azzurro combatte fino alla fine, sul ring. Vince il più grande campione in circolazione. Match emozionante e intenso

Kickboxing, Casella tiene testa al grande Kyshenko, ma esce sconfitto a Bangkok

Il Faro on line – Il Kunlun Fight 62, il più importante torneo di Kickboxing al mondo, si è colorato di azzurro. Gabriele Casella è stato l’unico italiano ad essere ammesso a combattere, nell’edizione andata in scena ieri, nello stadio Lumpinee a Bangkok e che ha visto tra i protagonisti, leggende come Kyshenko, Buakow, Superbon e gli altri fighter di grande livello.

L’avversario contro cui ha combattuto, Artur Kyshenko, è il più forte kickboxer in circolazione negli 80 kg. Casella è l’unico italiano, ad aver sfidato Kyshenko, dopo Cocco e Petrosyan nel 2012. Quella di Bangkok è stata la sua prima sconfitta, dopo 3 anni di vittorie consecutive, arrivata dopo 2 stagioni sportive, nelle quali ha collezionato tre titoli del mondo, di cui l’ultimo nella Muay Thai, sotto la guida del suo maestro del team Liberati Sap Italia, Paolo Liberati.

Kyshenko era il favorito: gli scommettitori internazionali gli davano la vittoria ed avevano puntato in massa su di lui. Il giovane Casella non ha potuto interrompere la serie storica, che ha visto Kyshenko sempre imbattuto nel circuito Kunlun. E’ stato un match emozionante e intenso, e l’italiano ha mostrato grinta e valore, prendendo in molti momenti il controllo del ring, ma alla fine ha perso ai punti, contro un avversario che ha alle spalle il triplo dei match e che tutti ricordano, per aver realizzato i più impressionanti ko degli ultimi anni, nella storia della kickboxing.