Seguici su

Cerca nel sito

Europei Scherma, sciabolatrici campionesse continentali e fiorettisti bronzo a Tbilisi

Nel pomeriggio, due medaglie in più dalla Nazionale azzurra. Oro e bronzo, nella specialità a squadre

Europei Scherma, sciabolatrici campionesse continentali e fiorettisti bronzo a Tbilisi

Il Faro on line – E’ tornato a suonare l’Inno italiano a Tbilisi. Stavolta, sono state le sciabolatrici azzurre a far rimbombare la musica tricolore ai piedi della pedana, dei Campionati Europei.

Nella terza giornata di gare, la Nazionale della scherma conquista la sua ottava medaglia e la aggiunge alle altre sei vinte, nei giorni scorsi e alla settima, messa al collo, oggi stesso, dai fiorettisti. E’ oro per le ragazze della sciabola e lo è, dopo aver vinto contro le campionesse olimpiche in carica. Ancora la Russia, è stata l’avversaria incontrata in finale e con il punteggio di 45 a 44, conquistato all’ultimo secondo, Loreta Gulotta, la vicecampionessa europea, Rossella Gregorio, Irene Vecchi e Martina Criscio, si sono laureate campionesse continentali.

E’ una competizione vincente per i colori azzurri. E la scherma non smentisce la sua tradizione in campo internazionale. Ai quarti, è stata la Spagna ad essere superata e poi in semifinale, il saluto definitivo, destinazione ultimo incontro per l’oro, è stato dato alla Francia. In questo modo, le sciabolatrici sono salite sul primo gradino del podio.

Non è stato l’unico successo di giornata, per l’Italia. Infatti, i fiorettisti azzurri hanno messo al collo il bronzo. nella data odierna, dedicata alle competizioni in squadra, sia per il fioretto, che per la stessa sciabola, Daniele Garozzo, fresco campione continentale, Giorgio Avola, terzo arrivato nel singolo, Alessio Foconi e Lorenzo Nista hanno affrontato la Russia in semifinale. Qui, i ragazzi tricolori hanno subìto una battuta di arresto, dopo aver vinto con il Belgio e poi l’Ucraina ai quarti di finale. Nella gara per il terzo posto, la squadra bronzo nel fioretto maschile ha battuto la Germania, per 45 a 40.

Domani, torna in pedana, la gara individuale della spada femminile e della sciabola maschile.

Foto : Augusto Bizzi