Seguici su

Cerca nel sito

Europei Tuffi, Maicol Verzotto e Elena Bertocchi, campioni continentali, nel sincro mixed

Primo oro storico vinto dall’Italia, in questa specialità dei tuffi. Terzo podio in carriera, per Verzotto. Soddisfazione dallo staff tecnico.

Europei Tuffi, Maicol Verzotto e Elena Bertocchi, campioni continentali, nel sincro mixed

Il Faro on line – Stanno arrivando buone notizie per l’Italia, dai tornei in svolgimento, sul fronte asiatico dell’Europa. Non solo dalla scherma, ma anche dai tuffi. E ieri pomeriggio, ha risuonato l’Inno di Mameli a Kiev, accanto alle pedane della specialità del sincro mixed.

A farlo rimbombare, nella Sportlife ucraina, sono stati Maicol Verzotto, delle Fiamme Oro ed Elena Bertocchi, del Centro Sportivo Olimpico Esercito. Diventati campioni d’Europa, dal trampolino dei 3 metri. Si sono tuffati insieme, dalla pedana, all’unisono, in modo perfetto ed hanno strappato ai giudici, il punteggio di 287.88.

E’ la prima dorata, per l’Italia, in questa specialità. Tuttavia, Maicol, agli Europei londinesi del 2016, era già salito sul podio nel mixed, insieme alla dea Cagnotto. Fu argento per lui, in quell’occasione e a Kazan, mise al collo il bronzo mondiale. Anche Elena non è nuova a questo genere di successi. A Londra 2016, conquistò il titolo di vicecampionessa d’Europa, dal trampolino di un metro, proprio dietro a Tania.

Ma l’oro è nuovissimo. Per entrambi e per la Nazionale dei tuffi. Ha espresso, grande soddisfazione, Oscar Bertone, il tecnico federale, responsabile della squadra assoluta: “E’ un risultato straordinario, l’oro vinto – ha commentato, come indicato dal sito ufficiale della Federnuoto – i ragazzi sono stati bravissimi. I meriti vanno divisi equamente”. Come racconta Bertone, è stato il quarto tuffo, la prova decisiva, direzione primo gradino del podio: “Nel triplo e mezzo avanti, abbiamo ottenuto 70 punti. E’ ancora presto però per festeggiare. Dobbiamo restare concentrati, fino alla fine del torneo”.

L’ultimo giorno della competizione europea, è fissato per domenica 18 giugno. E tante saranno gare e tuffi, che gli azzurri dovranno affrontare. Si comincia bene, tuttavia, nel secondo giorno di spettacolo, allo Sportlife di Kiev. L’oro traccia la strada da seguire.

Foto : Deepblumedia.eu (Federnuoto)