Seguici su

Cerca nel sito

#Sabaudia, grande successo per la cerimonia dei primi 30 anni di attività del Rotary club ‘#Latina- #Circeo’

Nella stessa giornata si è svolta anche la cerimonia del "passaggio della campana."

A #Sabaudia si sono celebrati i primi trent’anni di attività del Rotary club ‘#Latina- #Circeo’

Il Faro on line – Nella splendida cornice dell’Oasi di Kufra, sul lungomare di Sabaudia, il 22 giugno si è svolta la cerimonia dedicata ai primi trent’anni di attività del Rotary club “Latina- Circeo.”

L’ingente presenza di gran parte dei soci e degli ospiti, ha senza dubbio contribuito a rafforzare un clima di convivialità.

Per il suo compleanno, infatti, il Rotary club “Latina – Circeo” ha deciso di farsi un regalo importante, presentando con grande soddisfazione la nuova squadra di piccolissimi, l’EarlyAct, che comprende bambini e ragazzi tra i 5 e i 13 anni.

“La più grande risorsa naturale che ciascuna collettività possa avere –ha dichiarato Lorella Dapit – sono i suoi bambini e la sponsorizzazione dell’EarlyAct da parte del club nasce dalla convinzione che lo spirito di servizio vada trasmesso sin da piccoli.

Cercheremo di lavorare con loro, avvicinandoli a comprendere i problemi della vita reale e l’importanza di intervenire su di essi per eliminarli con il loro contributo e il loro coinvolgimento. Tutto ciò ovviamente avverrà considerando la fascia di età a cui ci rivolgiamo.”

In successione si è svolta la breve e significativa cerimonia del passaggio di consegne per il Rotaract e per l’Interact.

Il Rotary club “Latina-Circeo”, difatti, è l’unico club del distretto a poter vantare al suo interno l’esistenza di tutti e tre i club giovanili previsti, peculiarità che lo rende un club giovane e dinamico che ha sempre creduto nelle nuove generazioni, dando loro sempre l’opportunità di crescere e mettersi in gioco.

Poco dopo si è svolta anche la cerimonia del “Passaggio della campana” tra la presidente uscente- dottoressa Stefania Frattali e la presidente incoming dottoressa Lorella Dapit.

Stefania Frattali, nel suo discorso di commiato, dopo i saluti di rito, ha ricordato le numerose attività svolte durante il proprio anno sociale, ringraziando tutti i soci per la condivisione e il sostegno.

Giunti alla fine di questo percorso, sono stati ricordati gli obiettivi raggiunti dal club, tre dei quali sono stati evidenziati con una maggiore punta d’orgoglio: i progetti “Un’altalena per un sorriso” e “Un mattone per il Kenya” e l’annessione al club di tre nuovi soci, di cui due giovani.

Per quel che riguarda l’entrata di nuovi soci, questa è stata la diretta e ben accolta conseguenza del lavoro svolto al fine di promuovere e accrescere il club, riprendendo l’idea del fondatore Paul Harris il cui scopo era quello di promuovere l’amicizia e allargare le conoscenze professionali.

Dopo il passaggio del collare, la neopresidente Lorella Dapit, visibilmente emozionata per il suo nuovo incarico, ha avviato il suo nuovo anno presidenziale rinnovando i più vivi sentimenti di gratitudine ai soci per averla voluta alla guida del club e nel suo discorso d’insediamento ha posto l’accento sul tema rotariano dell’anno: “Il Rotary fa la differenza”.

Inoltre, di fronte alla presenza dell’assistente di club, il dottor Ugo Lena, e di altri amici rotariani e dei numerosi ospiti intervenuti, ha presentato con fierezza la sua squadra e i componenti del nuovo Consiglio direttivo e si è detta consapevole che solo attraverso la collaborazione e la partecipazione di tutti sarà possibile raggiungere risultati sorprendenti.