Seguici su

Cerca nel sito

Strage di volatili in darsena a #Fiumicino, tra rifiuti e plastiche foto

Dopo i pesci morti ora tocca gli uccelli.

Strage di volatili in darsena a #Fiumicino, tra rifiuti e plastiche

Il Faro on line – Stavolta non si tratta dei soliti pesci morti (fatto pur grave) ma di una serie di volatili che hanno finito di vivere sulla Darsena di Fiumciino. Una picciola strage denunciata via facebook dall’ambientalista Riccardo Di Giuseppe, e segnalata sia alla Capitaneria di Porto sia al Comune.

Le carcasse saranno prelevate per essere analizzate in modo da capire cosa abbiamo provocato il decesso. Certo è che la darsena di Fiumicino è sempre più sporca, il Tevere sempre più inquinato e le plastiche continuano ad essere cibo mortale per gli animali, sia che nuotino sia che volino.

Il comunicato ufficiale del Comune

“Quattro anatre morte e una viva, ma bisognosa di cure, sono state rinvenute oggi nello specchio d’acqua della darsena di Fiumicino. Si tratta di germani reali e anatre, recuperate dai pescatori”. Lo afferma il sindaco Esterino Montino che, sul posto insieme all’assessore all’Ambiente Roberto Cini, ha incontrato la Capitaneria di Porto, l’Autorità Portuale e alcuni rappresentanti della Lipu, insieme alla Polizia Locale.

“Occorre subito far chiarezza sulle cause –prosegue il sindaco – per capire come sia avvenuta la loro morte. L’anatra viva è stata presa in carico da Alessandro Polinori della Lipu per avviarne il recupero”.

“Nell’acqua della darsena –aggiunge l’assessore all’Ambiente, Roberto Cini – sono state trovate altre anatre vive e che stanno bene. Bisogna capire se quelle morte fanno parte di un gruppo che ha mangiato qualcosa altrove e poi, magari, sono finite qui trascinate dalla corrente oppure se sono morte sul posto.

Dopo le verifiche del veterinario e la rimozione delle anatre i corpi verranno inviati all’istituto zooprofilattico per essere analizzati e verificare le cause del decesso, come richiesto dalla nostra biologa Daniela Pascucci. Attenderemo, naturalmente, anche i risultati delle analisi che effettuerà l’Arpa”.