Seguici su

Cerca nel sito

#Ardea, Savarese ‘Salvaguardia ambientale, cultura e senso di appartenenza le priorità’

Il Sindaco: "Vogliamo dai cittadini un concreto supporto. Chiederemo che voi possiate essere parti strategiche sulle scelte di questa città".

#Ardea, Savarese ‘Salvaguardia ambientale, cultura e senso di appartenenza le priorità’

Il Faro on line – Il sindaco di Ardea Mario Savarese ha giurato fedeltà alla Repubblica e di osservarne i principi costituzionali e normativi. Commosso, lo ha fatto dopo aver indossato la fascia tricolore. Poi, ha presentato alla città la sua giunta: il vicesindaco Ugo Bonaccorso e gli assessori Giovanni Colucci, Domenico Vozza, Sonia Modica, Graziella Maracchioni. “Sono sicuro che avranno tutto il vostro appoggio”, ha detto Savarese alla cittadinanza.

Poi ha illustrato le linee programmatiche del suo governo: “Abbiamo lavorato a questo programma con il contributo di tutti quei cittadini che avvertono la necessità di cambiare questo territorio e principalmente coltivano il sogno di una città migliore, a misura dei suoi abitanti e della bellezze che la circondano.

Il nostro paese invecchia e si impoverisce rapidamente e non possiamo più pensare solo all’immediatezza delle cose, c’è bisogno di pensare al futuro, a come sarà Ardea tra 10, 20 anni e progettare oggi significa garantire ai nostri figli un domani”.

Il primo cittadino ha spiegato come sia necessario “risvegliare il senso civico e di appartenenza a una comunità che ritroverà l’orgoglio della sua storia, la sua cultura e la riscoperta, ove ve ne fosse necessità, della bellezza del suo territorio. La nostra linea politica intende coniugare salvaguardia ambientale ed esigenze economiche con la piena consapevolezza della esauribilità delle risorse ambientali”.

Nessuno deve restare indietro‘ è il nostro motto, la solidarietà ed il cittadino sono al centro della nostra politica e quindi riserveremo particolare impegno nel sostenere reali situazioni di bisogno, recuperando risorse da una maggiore efficienza e dalla eliminazione di sprechi e clientelismi”, ha continuato, parlando oltre che dell’implementazione dei servizi anche del concetto della “ricostruzione della comunità“.

Durante i lavori del Consiglio comunale il primo cittadino ha spiegato il lavoro che si sta svolgendo in questi primi giorni di amministrazione: “Ringrazio il viceprefetto per il suo impegno come commissario prefettizio. La politica prima di noi però è stata assente e non si sono messe in atto cose importanti. Ne ricordo una tra tutte, che riguarda il finanziamento che avevamo ottenuto dalla Regione il finanziamento per il litorale di Marina di Ardea.

Non saremo in grado di fare quei lavori perché il vuoto di potere ha mandato troppo in avanti i tempi. Gli uffici stanno lavorando per non perdere il finanziamento per l’efficientamento energetico delle scuole. Il progetto prevede la sostituzione delle caldaie per il riscaldamento con sistemi più moderni. Questo lavoro dovrà essere concluso entro la fine di novembre per fare in modo che si possa avere i finanziamenti europei del progetto Kyoto”.

“Stiamo lavorando sempre sulle scuole perché per noi hanno un’attenzione particolare. Sono partiti i lavori per la messa in sicurezza di alcune aule scolastiche di via Tanaro: si sta lavorando anche nei giorni festivi. Purtroppo in 4 giorni, nella stessa scuola, abbiamo subito attacchi vandalici che hanno devastato le aule. Fortunatamente non ci sono stati danni importanti alle attrezzature ma dal punto di vista psicologico gli operatori erano molto provati.

Queste cose devono cessare immediatamente. L’amministrazione che ci ha preceduti aveva già predisposto un piano per le telecamere nelle scuole. Il progetto è in corso ma la loro installazione non potrà concludersi prima delle fine dell’anno. Abbiamo deciso un intervento straordinario con un impianto di telecamere con sistemi automatici di segnalazione dell’intrusione che prevediamo di montare nelle scuole già dai prossimi giorni – ha continuato – E’ una spesa imprevista ma è importante non solo sotto il profilo del danno che ci deriva da questi incresciosi attacchi ma è anche un segnale importante che vogliamo dare agli operatori e ai bambini che vedono devastati in quel modo i lavori di un intero anno”.

“Non voglio annoiarvi con la situazione finanziaria dell’ente: lo potete immaginare, è una situazione estremamente difficile – ha concluso – Abbiamo ereditato un bilancio di programmazione per il 2017 che ci vincola fino a dicembre. Possiamo fare solo piccolissimi aggiustamenti ma le cose più importanti e sostanziali non possono essere toccate. Mi riferisco ad altri due problemi della scuola da affrontare: il primo è degli assistenti per i bambini disabili. Abbiamo coperture finanziarie per garantire il servizio fino a fine anno. Con il 2018 il commissario prefettizio non ha previsto risorse.

Abbiamo già iniziato un percorso di programmazione: questo ci consentirà di studiare la possibilità di trovare risorse per garantire il servizio per il prossimo anno, forse con qualche rinuncia per i bambini meno gravi che possono fare a meno del servizio. Credetemi, è uno sforzo immane vedere tutto questo. Un altro grave problema è il trasporto scolastico: non sono stati previsti i fondi. Credo che sia un servizio che rientri negli obblighi di un Comune civile. Il nostro dirigente al bilancio sta facendo le nottate per riuscire a ‘grattare’ fondi qui e lì per arrivare fino a fine anno. Troveremo i fondi anche per il prossimo. Non sto infondendo buonumore, lo capisco, ma la trasparenza è una delle pietre miliari su cui vogliamo fondare questa nostra consiliatura. Non vi nascondiamo niente”.

“Vogliamo rendervi partecipi anche delle brutte notizie, anche se lo faremo con il cuore stretto. Vogliamo dai cittadini un concreto supporto. Chiederemo che voi possiate essere parti strategiche sulle scelte di questa città. Abbiamo una speranza da darvi, cioè quella di avere un Comune non frastagliato sul territorio ma che sia in un’unica casa comunale. Il nostro lavoro di questi giorni è di cercare di rendere tutto questo reale il prima possibile. E’ un grande lavoro per il quale ci stanno aiutando gli uffici tecnici: speriamo di darvi prestissimo una bellissima notizia. Stiamo cercando di efficientare il lavoro della macchina comunale. L’organizzazione degli uffici ci sta impegnando tantissimo in questi giorni. Vogliamo dare a tutti gli impiegati del Comune la speranza di cambiare le cose, dando loro la possibilità di cambiare e diventare parte attiva. Abbiamo persone stanche ma con grande voglia di collaborare”, ha concluso.