Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

#Roma Presentato al Cinelab dell’Isola Tiberina “Il Vino e le Rose” il nuovo romanzo della giovane attrice Claudia Conte

Il vicesindaco e assessore alla Cultura Bergamo: “non vedo un allontanamento dei giovani dalla cultura, è il mondo degli adulti che è un po’ stupido”

Roma, 21 luglio 2017 – Presentato da Savino Zaba in un gremito Cinelab dell’Isola del Cinema “Il Vino e le Rose. L’eterna sfida tra il bene e il male” (Armando Curcio Editore), il nuovo libro della giovane attrice e scrittrice Claudia Conte, classe 1992. “Dedico questo libro ai giovani della nostra Italia”, ha spiegato  l’autrice, che ha auspicato: “usciamo dal nostro cortile recintato di indifferenza e apriamoci senza paura ai colori della vita”. Ed è proprio sul senso della vita e su altri quesiti esistenziali che la Conte si interroga nel suo saggio travestito da romanzo, nel quale, cercando di dare ambiziosamente delle risposte, frutto di meditazioni, di letture di testi laici ed ecclesiali, si intrecciano le storie di tre donne che, in costante ricerca del proprio equilibrio, si confrontano e crescono insieme. Particolare attenzione viene rivolta ai momenti più salienti delle loro vite,  dall’infanzia fino all’età della maturità, trascorse in un turbinio di sentimenti opposti tra loro, senza soluzione di continuità, che vanno dagli estremi della gioia e della disperazione, passando per la malinconia e la serenità.

I personaggi della storia narrata, attraverso i loro dialoghi, esprimono varie opinioni e punti di vista su come tentare di vincere i mostri del degrado psicologico che regna nell’uomo nell’epoca postmoderna.

Per il Vicesindaco e Assessore alla Cultura della Capitale, Luca Bergamo: Il lavoro di Claudia Conte è intelligente e apprezzo in modo particolare la struttura del libro, l’andamento è leggero ma non superficiale.  Altri ragazzi più giovani a Roma, che forse ispira, fanno una rivista cartacea di analisi critica, non vedo un allontanamento dei giovani dalla cultura, è il mondo degli adulti che è un po’ stupido”.

Durante la presentazione l’attore Vincenzo Bocciarelli ha eseguito delle letture di alcuni brani del romanzo, intervallate dalle straordinarie performance musicali della cantante Pamela D’Amico e del sassofonista Paolo Russo.

La serata si è conclusa a bordo del Tevere nella suggestiva atmosfera dell’Osteria Laltroballerino, capitanata da Romolo Di Francesco, dalla moglie Marianna Alverdi, e dallo chef Andrea Fusco che ha accolto il nutrito parterre di amici e vip che non sono voluti mancare all’evento: il sociologo Maurizio Fiasco, il Presidente del Centro Europeo Turismo e Spettacolo, Pino Lepore, lo stilista delle celebrità, Josè Lombardi, gli attori Elena Russo, Enio Dovrandi, Alessio Chiodini, Mario Longobardi, Elisabetta Stajano, Vito Mancusi, Sabrina Crocco, Mario Longobardi, il Presidente del Comitato Italiano Nazionale Fair Play, Ruggero Alcanterini,  Simone Amato, il Più Bello D’Italia 2013, il regista Salvatore Scirè, il presentatore Angelo Martini, l’ex Miss Elisabetta Viaggi e numerosi allievi del centro sperimentale di cinematografia.