Seguici su

Cerca nel sito

Tutte accanto a Romina, il grande cuore delle maestre precarie di #Fiumicino

Stamattina l'ennesimo sit-in per chiedere di ritirare il bando per i posti negli asili-materne

Tutte accanto a Romina, il grande cuore delle maestre precarie di #Fiumicino

Il Faro on line – Ancora un giorno di protesta per le maestre precarie. Stamattina sir-in e striscioni sotto al Comune di Fiumicino, per cercare di far ritirare il bando concorsuale che, nonostante alcune tutele, non garantisce il posto di lavoro a chi per 22 anni ha lavorato sul territorio senza garanzie, spendendo il proprio tempo per la collettività e facendo crescere generazioni di bambini.

Ma la notizia stavolta non sta nella protesta, bensì nel grande cuore dimostrato da tutte le insegnanti, a testimoniare quale sia la caratura morale (anche in classe) di queste donne. Durante l’ultimo consiglio comunale, infatti, tra il pubblico c’era una delegazione di portatori di handicap che chiedeva più ore di assistenza per Romina, una ragazza gravemente colpita dalla malattia. Accanto a loro le maestre, con la consueta maglietta “precarie da una vita”.

Chi pensava a due proteste differenti, però, sbagliava. Le maestre non hanno aperto bocca sul proprio problema, pur pressante, ma si sono affiancate a Romina e hanno combattuto per lei.

Per un giorno il concorso è passato in secondo piano, e il problema di Romina è diventata la battaglia di tutte.

Un episodio da sottolineare, in un mondo dove ognuno vede solo i propri problemi; un grande esempio di vita, un insegnamento di come i valori debbano essere tarati sull’essere umano. Fosse solo per questo, le maestre precarie meriterebbero un’attenzione maggiore, la ricerca di una soluzione che tutela tutte.

Oggi l’ennesima protesta, dopo aver dato fiato a quella di Romina facendo un passo indietro rispetto al loro caso. Il Comune ha già fatto sapere di aver fatto il massimo di agevolazioni possibili per legge, loro chiedono di più. Il Faro on line non ha il potere di decidere in un senso o nell’altro, ma può raccontare la bontà d’animo di lavoratrici che chiedono sicurezza per il futuro dopo un passato di fatica e incertezze. Sperando che una soluzione si possa trovare…