Seguici su

Cerca nel sito

Oltre 4mila arrivi al giorno, a #Ponza potenziato il Trasporto pubblico locale

La Schiaffini Travel ha messo in campo misure speciali per accogliere al meglio tutti coloro che hanno scelto di passare dei giorni di vacanza sull'isola.

Oltre 4mila arrivi al giorno, a Ponza potenziato il Trasporto pubblico locale

Il Faro on line – Ponza è nel pieno della stagione turistica e arrivano i primi dati sulle presenze. Oltre 4mila arrivi ogni giorno con punte di 20mila nel week end ed una durata media del soggiorno che va dai tre ai sette giorni. Dati che fotografano un continuo ricambio di utenti che rende necessario un servizio di Trasporto Pubblico Locale adeguato.

Per questi motivi l’Amministrazione comunale e la Schiaffini Travel SpA hanno messo in campo misure speciali per accogliere al meglio tutti coloro i quali hanno scelto di passare dei giorni di vacanza sull’isola.

Il servizio di Trasporto Pubblico gestito dalla Schiaffini Travel SpA che collega il porto turistico di Ponza con le Forna, le piscine naturali, Cala Feola e Giancos è attivo dalle 4:30 del mattino fino alle 4 della notte, con una frequenza delle corse che nelle fasce orarie più intense raggiunge una corsa ogni 15 minuti; servizio garantito ovviamente anche nei giorni festivi.

“Una attenzione  – comunica in una nota la Schiaffini Travel S.p.a – che non si esaurisce con la frequenza delle corse ma che punta ad alzare la qualità del viaggio offerto agli utenti è una delle priorità dell’estate 2017, per questo è stata messa a disposizione una flotta di bus modernissimi, dotati di aria condizionata, di sistemi di sicurezza (abs, asr, esp, rallentatore automatico), indicatore di percorso con display digitale, pedane per accesso disabili, obliteratrice a bordo. Più di trenta le rivendite ufficiali che permettono l’acquisto dei titoli di viaggio dislocate su tutta l’isola oltre alla possibilità di utilizzare la app “MyCicero” che consente di acquistare il biglietto in tutta sicurezza direttamente dal proprio smartphone. Enjoy Ponza”.