Seguici su

Cerca nel sito

Consiglio Comunale di #Ardea, Lucio Zito dice no a Luana Ludovici e a Noi Con Salvini

PolemicoMarco Boni, Coordinatore locale di NCS

Consiglio Comunale di Ardea, Lucio Zito dice no a Luana Ludovici (Noi Con Salvini)

Il Faro on line – La Consigliera del gruppo NCS, delusa ed amareggiata, rivendica con forza al nostro giornale la sua appartenenza al partito di Matteo Salvini, evidenziando che tale decisione del Presidente del Consiglio Comunale, è fuori luogo, in quanto la documentazione di cui lamenta Lucio Zito, secondo la Consigliera Ludovici, è già stata da tempo protocollata presso il Comune di Ardea, per cui non si spiega la posizione intrapresa dal Presidente.

A rafforzare le dichiarazioni della Ludovici, è intervenuto Marco Boni, Coordinatore locale di NCS, evidenziando quanto segue:
“la decisione del Presidente, di escludere la Ludovici dalla possibilità di far parte delle Commissioni Consiliari, è anticostituzionale.

La nostra attuale Consigliera, eletta nella lista Ardea Futura, a prescindere dal fatto che possa far parte oggi del gruppo NCS, di diritto può far parte, comunque, delle Commissioni Consiliari. Grave è la mancanza dimostrata dal Presidente Lucio Zito (M5s).

Inoltre, mi preme sottolineare che abbiamo protocollato in data 24/07/2017, presso l’ufficio protocollo del Comune di Ardea, una dichiarazione scritta, dove il Coordinatore Regionale Francesco Zicchieri ed il sottoscritto, confermano e comunicano all’Ente Locale, l’ingresso della Consigliera Luana Ludovici nel gruppo NCS.”

A breve, continua Marco Boni, “forniremo ulteriore documentazione a firma del Capogruppo alla Camera della Lega Nord, Massimiliano Fedriga, a dimostrazione che la nostra Consigliera Luana Ludovici è parte integrante del gruppo NCS”.

Nella stessa riunione odierna, il Presidente del Consiglio Comunale, non aveva nulla da eccepire in merito al riconoscimento del Consigliere Fabrizio Salvitti, nel gruppo di Forza Italia.

Nel frattempo, il neo Vice Presidente Cugini, eletto con i voti della maggoranza (M5s), si dimette dalla carica conferitagli, in quanto ritiene che tale ruolo deve essere espressione dei gruppi politici di opposizione.