Seguici su

Cerca nel sito

#Ostia, M5S ‘Entro il 2018 l’avvio dei lavori per il nuovo Ponte della Scafa’

Agnello-Angelucci: "L'opera sconta ritardi di natura legale, dovuti ai ricorsi dei partecipanti alla gara del 2010, ma anche di natura procedurale".

#Ostia, M5S ‘Entro il 2018 l’avvio dei lavori per il nuovo Ponte della Scafa’

Il Faro on line – “Inizieranno il prossimo anno i lavori per il nuovo Ponte della Scafa. Ne abbiamo parlato oggi in Commissione Lavori Pubblici: si tratta di un progetto approvato nel 2009 per 39 milioni di euro (finanziato per i 2/3 dalla Regione Lazio) su cui nell’ultimo anno l’amministrazione capitolina ha finalmente accelerato i tempi sui passaggi necessari ad avviare la realizzazione di quest’opera importante e strategica per il territorio del Municipio X” – lo dichiarano in una nota stampa il consigliere comunale M5S Nello Angelucci e la Presidente della Commissione Lavori Pubblici di Roma Capitale, Alessandra Agnello.

“Dopo avere concluso le indagini geologiche e geotecniche, entro l’inizio del 2018 dovrebbero partire i lavori di realizzazione previsti che, secondo quanto stimato, dureranno complessivamente 540 giorni. L’opera sconta ritardi di natura legale, dovuti ai ricorsi dei partecipanti alla gara del 2010, ma anche di natura procedurale sia per quanto riguarda l’acquisizione da parte di Roma Capitale delle aree private sulle quali va ad incidere l’opera, sia per il rilascio del nullaosta archeologico, legato a importanti ritrovamenti.

Le precedenti amministrazioni forse potevano fare di meglio per ridurre i tempi di realizzazione attraverso una pianificazione attenta e equilibrata ma evidentemente erano troppo impegnate in altro.

Di fatto riceviamo in eredità un’opera la cui ideazione risale probabilmente ad un ventennio fa e di cui cercheremo di capire la coerenza con le esigenze di mobilità non solo correnti ma soprattutto future della città. Anche se i margini di modifica sono limitati faremo tutto il possibile affinché questo ponte possa integrarsi nel tessuto urbano per valorizzarlo” – conclude la nota.