Seguici su

Cerca nel sito

#Civitavecchia, trasporto scolastico, è possibile presentare domanda fino al 1 settembre

Per l’ammissione è richiesta la regolarità dei pagamenti negli anni precedenti nei quali si è usufruito del servizio.

#Civitavecchia, trasporto scolastico, è possibile presentare domanda fino al 1 settembre

Il Faro on line –  “Scadranno il prossimo 1 settembre i termini per la presentazione della domanda di fruizione del servizio di trasporto scolastico del Comune di Civitavecchia” – lo rende noto il Comune in un comunicato stampa.

“E’ stato infatti pubblicato nella tarda mattinata di oggi nella sezione “Avvisi Pubblici” del sito istituzionale il bando relativo alle modalità di erogazione del servizio ed i dettagli per richiedere l’iscrizione, nonché l’eventuale relativo esonero dal pagamento della retta (per nuclei in situazione di disagio sociale e/o con alunni diversamente abili).

Le domande dovranno essere presentate utilizzando il modello allegato al bando, corredato della documentazione necessaria, entro e non oltre il 1 settembre 2017 esclusivamente presso la sede di Argo in Via Doria, 24, il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 12 e il martedì e giovedì dalle 15.30 alle 17.30.

Le istanze saranno accolte, nei limiti dei posti disponibili, accordando preferenze ad alunni disabili che frequentano la scuola dell’obbligo, a chi frequenta edifici scolastici alternativi o è residente ad una distanza di almeno un km e mezzo dall’istituto scolastico, così come agli alunni che hanno entrambi i genitori che lavorano.

Le rette, stabilite in base alle fasce Isee vanno da un minimo di 100 euro ad un massimo di 290 euro annuali, fatta salva l’eventuale concessione dell’esonero agli eventi diritto.

Per l’ammissione al servizio “Scuolabus” è richiesta la regolarità dei pagamenti negli anni precedenti nei quali si è usufruito del servizio. Il genitore (o esercente patria potestà) dovrà inoltre dichiarare l’impegno ad essere presente al ritiro dell’alunno, accettando che vengano applicate sanzioni a partire dalla terza inadempienza nell’arco dell’anno” – conclude il comunicato.