Seguici su

Cerca nel sito

Micky, una donna generosa oltre i limiti di questo mondo

L'ultimo atto di generosità di Michela Morini: destinare i soldi per i fiori del proprio funerale alla ricerca sulla sindrome di Rett

Micky, una donna generosa oltre i limiti di questo mondo

Il Faro on line – Per gli amici era Micky, per la comunità di Facebook il volto sorridente di Michela Morini. Una malattia l’ha strappata all’affetto dei suoi cari e della sua comunità, che con lei interagiva in ogni possibile risvolto sociale. Se ne è andata sorridendo, come sempre, e i social network si sono riempiti di ricordi, dolcezza, parole d’amore.

Ma la sua storia è un po’ diversa da quella – pur tragica – di tante altre persone che, colpite dalla malattia, se ne vanno troppo presto da questo percorso chiamato ‘mondo’. Perché Michela, che aveva fatto della generosità la sua ragione di vita, è riuscita a beffare anche la Signora con la falce.

Mentre Lei la portava ai piani superiori, Micky stava già operando per essere “utile” ancora una volta: è sua infatti l’idea – conscia della malattia che ormai le stava contando i giorni – di chiedere a tutti gli amici di non spendere soldi per fiori, corone o ricordi vari, ma di impegnare quelle cifre per la ricerca sulla Sindrome di Rett. Quella cifra sta adesso dentro una scatola che Orietta Mariotti, Consigliere di Pro Rett Ricerca Onlus – Associazione per la ricerca sulla Sindrome di Rett www.prorett.org. non riesce ancora ad aprire.

Troppo forte la tensione emotiva per contare quanto può valere in termini reali quella scelta; perché qualunque sia la cifra, è il gesto che “non ha prezzo” in un mondo in cui si pensa solo a se stessi, in cui un piccolo problema personale diventa la scusa per ignorare tutto il resto. Michela non aveva un piccolo problema, aveva la vita stessa che le stava sfuggendo di mano, ed ha avuto la forza di pensare ancora agli altri. Da applausi.

Orietta le ha dedicato un pensiero:

‘La fonte costante della mia vita è legata all’Amore’.
L’hai scritta tu Micky.
E ora ti trovi in quel luogo dove l’amore abbonda, straripa, avvolge, penetra e si diffonde ovunque.
Sei felice, ne ho la certezza.
Una creatura meravigliosa già su questa terra, non oso immaginare che splendore sei ora lassù.
Il tuo amore lascia una scia che travolge anche Alessia e tutte le bambine con la Sindrome di Rett, semplicemente perché tu sei così, generosa fino alla fine.
Ci vediamo dall’altra parte amica mia.
Mi manchi ma sarà per poco… l’eternità ci aspetta.
Dio ti accolga e benedica la tua famiglia.
Ciao Micky… ti voglio bene Stellina

La donazione alla ricerca è l’ultimo gesto di generosità di una donna che – da mamma – capiva bene la sofferenza altrui, ed è riuscita incredibilmente a metterla ancora una volta davanti alla propria.
Un esempio per tutti, un orgoglio per i propri cari, un modello per chi ha avuto il privilegio di conoscerla.

Disegno di Gianluca Serratore