Seguici su

Cerca nel sito

Universiadi 2017, Andrea Catese tra i protagonisti della Nazionale Italiana di calcio

Tra i 18 giocatori e già nella località asiatica, anche il centrocampista dell’Ostiamare. Dal 18 agosto, tutti in campo per difendere il titolo dell'edizione 2015

Universiadi 2017, Andrea Catese tra i protagonisti della Nazionale Italiana di calcio

Il Faro on line – Cominceranno il 18 agosto, le Universiadi 2017. Venerdì prossimo a Taipei, i giovani atleti e studenti di tutto il mondo, si ritroveranno gli uni di fronte agli altri, per conquistare il primo gradino del podio, nei vari sport protagonisti.

Fino al 30 agosto, saranno tantissime le sfide e le emozioni che gli spettatori vivranno, seguendo le perfomance in programma. Anche l’Italia sarà presente ed in tante discipline diverse.

Lo farà nel badminton, come nel nuoto di fondo, insieme anche alla ginnastica artistica. Ci sarà anche il calcio a mostrarsi, all’ombra del fuoco di Olimpia, accesso nel braciere, che avrà vita durante la cerimonia di apertura.

E tra le fila della Nazionale azzurra, già vincente nell’edizione del 2015 e guidata, quest’anno, da Alessandro Musicco, c’è anche un gioiello dell’Ostiamare. Infatti, tra i protagonisti di Taipei 2017, spicca anche Andrea Catese, centrocampista e fantasista della squadra biancoviola. Confermato per la prossima stagione calcistica, già iniziata all’Anco Marzio, fu uno dei perni principali lo scorso anno, nel campionato dei 63 punti del record storico, conquistato.

A premio, per il suo talento e per le doti tecniche in campo, Andrea parteciperà al torneo di calcio riservato alle nazionali universitarie. Con la maglia azzurra, difenderà i colori dell’Italia, in una competizione, che nel girone iniziale, vedrà Stati Uniti, Russia e Brasile, nella strada dei preliminari. Le partite, dei turni successivi, proseguiranno fino al 29 agosto, con le altre fasi ed eventuale, finale.

Catese, classe ’97, sarà seguito dal mondo biancoviola e dai suoi tifosi. Comincia allora per lui, anche il sogno azzurro.

Foto : Claudio Spadolini