Seguici su

Cerca nel sito

‘Poliambulatorio di #Fregene, problemi di spazi, attrezzature e privacy’

Lettera ufficiale dei Cobas Asl Rm/3 ai vertici dell'azienza sanitaria.

‘Poliambulatorio di #Fregene, problemi di spazi, attrezzature e privacy’

Il Faro on line – Problematiche e criticità del Poliambulatorio di Fregene diventano oggetto di una lettera che il Cobas Asl Rm/3, tramite i delegati Cesare Morra, Paolo Paolacci e Claudia Piermaria, hanno inviato a tutti i vertici della Asl.

“Le problematiche e le criticità riscontrate – scrivono i sindacati di base – riguardano sia un’inadeguata disposizione e dislocazione degli spazi che gli aspetti organizzativo gestionali, nonché la carenza di stanze (v. anche bagno utenti), di strumenti, attrezzature e immobili necessari a garantire adeguati livelli di decoro e di assistenza, la cui assenza rappresenta, non solo elemento di difficoltà e di disagio per gli operatori sanitari che lì vi operano, ma nocumento stesso per quei processi di assistenza e di cura che dovrebbero sempre garantire, nei confronti dei cittadini utenti che vi si rivolgono, le più idonee, adeguate ed umane condizioni ambientali, di igiene e di sicurezza”.

All’interno del Poliambulatorio di Fregene vengono svolte diverse attività tra queste, in particolar modo, viene svolta l’effettuazione dei prelievi ematici per analisi di laboratorio. “Risulta, a tale proposito – è scritto nella lettera -l’inadeguatezza, se non l’assenza, proprio di quegli arredi necessari all’effettuazione dei prelievi:
mancanza di una poltrona reclinabile; di un carrello porta provette con annesso contenitore porta aghi e di un apposito sgabello regolabile per l’operatore dedito ai prelievi.

Attualmente, infatti, per l’effettuazione del prelievo ematico, l’utente viene fatto accomodare su una sedia di ferro sprovvista di braccioli e ciò comporterebbe che, per compiere l’esame, le operatrici e gli operatori debbano far poggiare il braccio dell’utente su un lettino, ma ciò implica il fatto che, questi, trovandosi dall’altra parte del lettino e, quindi, in maniera opposta all’utente, si trovino nella difficoltà, se non nell’impossibilità, di intervenire tempestivamente laddove il paziente dovesse avere un malore, cosa, come è risaputo, altamente probabile.

Si fa presente, inoltre, che nella stessa stanza dove vengono effettuati i prelievi ematici, nonostante la presenza all’interno del Poliambulatorio di altre due stanze, si svolgono svariate altre attività tra le quali: medicazioni con agenda ordinaria e agenda di continuità ambulatoriale (quest’ultima sprovvista di regolamentazione di giorni, tempistiche ed orari), terapia iniettiva, terapia infusionale, medicazioni, fasciature, cateterismo vescicale nonché il ritiro dei referti ematici.

Tale situazione determina, a causa della concomitanza degli orari, accavallamento e sovrapposizione delle suddette attività con conseguenti, inevitabili disagi e difficoltà per i cittadini/utenti e per gli operatori stessi che hanno la necessità di consegnare i referti agli utenti tutti i giorni, in un’ampia fascia oraria (10.30/12.30).

Ciò, peraltro, rende anche difficile poter garantire e tutelare la privacy e la riservatezza dell’utente che spesso si trova nella condizione di essere svestito durante la visita e, quindi, esposto a chiunque si trovi ad aprire involontariamente la porta della stanza.

La sovrapposizione delle attività e la concomitanza degli orari investe anche la delicata questione della pulizia e della sanificazione degli ambienti che, se non svolti puntualmente e in maniera accurata ed adeguata, può rappresentare un rischio per la salvaguardia delle condizioni igienico sanitarie e della stessa salute delle persone (Operatori e Utenti).

La pulizia e la sanificazione degli ambienti sanitari, infatti – conclude la nota sindacale – svolgono un ruolo ed una funzione importante, non solo per il significato che, queste, ricoprono nell’ambito del comfort alberghiero (decoro, pulizia, ecc.), ma, soprattutto, per le implicazioni di ordine igienico-sanitario che influiscono sulla qualità delle prestazioni erogate e sull’efficienza ed efficacia nell’organizzazione dei servizi”.