Seguici su

Cerca nel sito

Ostiamare, Adriano D’Astolfo, ‘Un girone G più duro rispetto allo scorso anno, vogliamo partire subito alla grande’

Crede nel cuore Ostiamare, il capitano biancoviola e parla di piazze avversarie, ambiziose. Sa che i nuovi arrivi daranno il loro contributo e per lui, si sta per aprire la stagione numero sette a Ostia

Ostiamare, Adriano D’Astolfo, ‘Un girone G più duro rispetto allo scorso anno, vogliamo partire subito alla grande’

Il Faro on line – Si sta per aprire la settima stagione in biancoviola, per Adriano D’Astolfo. Per il simbolo in campo e fuori, di un’Ostiamare, in questi anni, sempre determinata e impegnata a dare il meglio per raggiungere traguardi importanti in serie D, tra pochi giorni inizierà ufficialmente il nuovo anno 2017/2018.

Nella domenica dell’ultima amichevole in programma, prima della sfida del 27 agosto, in casa, con il Latina in Coppa Italia, in cui i gabbiani hanno vinto con la Vis Artena, per 3 a 0, arrivano le sue parole a commentare la partita che sarà con i pontini, come il periodo del precampionato, insieme al suo pensiero circa un raggruppamento agguerrito di un girone G, che probabilmente, è uno dei più difficili e ferrei del torneo. Ne è consapevole D’Astolfo, ma sa anche che il cuore Ostiamare non deluderà i suoi tifosi, come sempre ha fatto, in questi anni.

Nella prima giornata di campionato, arriverà il Cassino ad Ostia e Adriano parla di una piazza appassionata di calcio, come di un ambiente ambizioso, con cui i biancoviola dovranno sfoderare carattere e tecnica. Lo faranno, guidati da un giocatore, che da tanto tempo, mette la fascia al braccio e accompagna i suoi giocatori in campo, fino a lottare con la fatica. Si da sempre il massimo e la tenacia dell’Ostiamare è ben conosciuta da tutti. Come è nota, la grande unione dello spogliatoio, da sempre, grande punto di forza dei gabbiani.

E sono arrivati nuovi calciatori a rinforzare la squadra, come alcuni sono andati via. E’ di consuetudine della categoria in cui si gioca. Lo dice il capitano dei biancoviola e si augura, come è sicuro che sarà così, che i nuovi innesti daranno cuore e anima, per la maglia. Tutti insieme, si è fatto un grande lavoro di preparazione, per il prossimo 3 settembre e sin dal giorno del raduno del 24 luglio. Pronti, come lui stesso dice, a dare battaglia e ad affrontare formazioni forti e di qualità.

A cura di Riccardo Troiani, responsabile ufficio stampa dell’Ostiamare, la sua intervista:

“Sicuramente sarà interessante la partita con il Latina. Siamo vogliosi di incontrare una squadra che farà parte del nostro girone. Abbiamo fatto un ciclo di amichevoli, con squadre di categoria inferiore, per prepararci al meglio. Siamo curiosi di confrontarci con questo inizio di stagione. Ogni anno cambiare, fa parte della categoria. Sono avvenuti dei cambiamenti. Ci sono stati degli addi, ma anche degli arrivi. Mi auguro che i nuovi, diano il loro contributo alla squadra e di questo sono sicuro, perché abbiamo fatto un ottimo lavoro e i ragazzi si sono integrati benissimo. Sono quattro settimane che lavoriamo e siamo pronti. Affrontiamo gli ultimi giorni di preparazione, in vista dell’esordio in Coppa Italia. E’ un girone importante, il nostro, in campionato. Secondo me, il livello è alto. Leggendo le rose delle varie squadre, si comprende che le società sono molto ambiziose. Troviamo il Latina, che fino allo scorso anno era in altre categorie, c’è il Cassino e so che è una piazza molto ambiziosa e ha messo insieme un’ottima squadra. Le laziali le conosciamo già. Sono società attrezzate, che hanno investito abbastanza, per formare le varie rose. So anche che c’è stato un mercato importante, anche da parte delle sarde. Sicuramente sarà un raggruppamento ancora più duro, rispetto allo scorso anno”. Alla prima giornata, scenderà in campo all’Anco Marzio, proprio il Cassino. Lui commenta in questo modo: “Incontriamo una società ambiziosa. Conosco persone che hanno giocato lì e mi riferiscono di un ambiente appassionato di calcio. Speriamo di partire subito alla grande”.

Foto . Claudio Spadolini