Seguici su

Cerca nel sito

Realtà virtuale e realtà digitale…. qual è la differenza?

Quella delle realtà virtuali e aumentate, è ancora una tecnologia in pieno stadio di evoluzione

Realtà virtuale e realtà digitale…. qual è la differenza?

Il Faro on line – Nel mondo della tecnologia emergente, l’interesse del pubblico sembra essere largamente rivolto verso la realtà virtuale e la realtà aumentata. La possibilità di essere proiettati in mondi digitali con i quali interagire quasi come nella vita reale, è una prospettiva che ci si aspetterebbe da un film fantascientifico e futuristico. L’idea che sia già possibile ci sorprende e incuriosisce.

Ma qual’ è la tanto fraintesa differenza tra la realtà virtuale e quella aumentata?
Per realtà virtuale si intende un ambiente digitale ricreato interamente in modo artificiale con il quale è possibile interagire con vari dispositivi, come il tanto discusso visore VR. Questa proiezione tridimensionale è costruita per somigliare il più possibile alla realtà e, spesso, per superare i limiti materiali della realtà, ad esempio con il volo o superpoteri vari. Deve essere quindi un`esperienza il più immersiva possibile, in grado di assorbire i sensi di chi ne fa uso per far credere di vivere in una realtà alternativa.

Allo stesso modo, la realtà aumentata richiede specifici apparecchi tecnologici, ma non mira alla creazione di una realtà alternativa, bensì al “potenziamento” della vita reale. Ciò avviene con delle aggiunte visive o sonore che vengono sovrapposte alla vista ed all’udito, appunto, aumentando l’esperienza che si ha della normale realtà. Si pensi ai famosi Google Glass, che si erano proposti di proiettare sulle lenti degli occhiali delle immagini virtuali con lo scopo di essere utili nella vita quotidiana, senza necessariamente dover cambiare realtà.

Tra le due, quella che ha trovato più impiego per ora è sicuramente la realtà virtuale, usata spesso per videogiochi, che grazie al visore VR diventano esplorabili a 360 gradi. Tuttavia i suoi utilizzi sono molti vari: dalle visite di musei (Comodamente dal proprio salotto) alla visione di film e l’uso di applicazioni sviluppate ad hoc per essere utilizzate insieme ad uno smartphone. D’altra parte la realtà aumentata si sta facendo silenziosamente strada nell’utilizzo quotidiano, esempio ne sono i display su parabrezza delle automobili. Persino Pokémon Go, il virale gioco per smartphone basato sulla cattura di simpatiche creature da cercare in giro per il mondo, è un valido esempio di realtà aumentata.

Quella delle realtà virtuali e aumentate, è ancora una tecnologia in pieno stadio di evoluzione. Non manca certo di fallimentari tentativi, come gli stessi Google Glass sopra citati, ritirati dal commercio per una loro limitata fruibilità. Tuttavia l’attenzione che le viene data negli ultimi tempi, ci fa sperare in un suo sempre maggiore sviluppo ed utilizzo.