Seguici su

Cerca nel sito

#Terracina, grandi consensi per il progetto internazionale ‘#Plasticforbeaches’ di Legambiente

L'obiettivo del progetto è quello di riuscire ad avere una spiaggia senza plastiche.

#Terracina, grandi consensi per il progetto internazionale ‘#Plasticforbeaches’ di Legambiente

Il Faro on line – La città di Terracina, scelta da Legambiente come il sito marino e costiero che rappresenta l’Italia nel progetto internazionale #PlasticFreeBeaches, nel prestigioso programma “Beyond Plastic Med” finanziato dalla fondazione del Principato di Monaco è riuscita a coinvolgere per raggiungere l’obiettivo di avere una spiaggia senza plastiche (#plasticfreebeaches) tantissimi bambini, cittadini, turisti oltre a esercenti, scuole, operatori turistici e il gestore locale dei rifiuti nella sfida internazionale #5minuteschallenge- In 5 minuti puoi salvare una tartaruga marina educando in modo divertente a una raccolta e un’analisi differenziata dei rifiuti secondo le classificazioni internazionali e al cambiamento dei comportamenti di acquisto, riducendo in particolare il packaging usa e getta di plastica, e soprattutto comprendendo gli impatti devastanti delle plastiche per la sopravvivenza dell’ecosistema marino e costiero e della fauna marina.

La sfida si è svolta nei giorni scorsi presso gli stabilimenti balneari: Italcanada, Shangri la’, Torre del Sole, Piccolo Lido, Il Galeone, Il Gabbiano, Alberto a mare, Le Rive di Traiano, Chiosco La Rotonda alla Spiaggia di Levante.

Le eco-animazioni (aperte a tutti grandi e piccoli) sono state precedute tutte dalla consegna di un kit informativo sui rifiuti e la loro biodegradabilità e da uno specifico bidone giallo standard per la raccolta delle plastiche e da una sessione informativa ed educativa sui rischi delle plastiche in spiaggia e in mare con una presentazione della iniziativa #5minuteschallenge – In 5 minuti puoi salvare una tartaruga marina, sfida internazionale che prevede la costituzione di due squadre (adulti, ragazzi, bambini) alle quali sono state consegnate pettorine gialle e buste.

La sfida è stata quella di raccogliere, in pochi minuti, la maggior quantità di plastiche in giro sul litorale e in mare e consegnare al termine la busta a una giuria, composta dal Circolo e dallo Stabilimento ospitante.

Sono state poi aperte le buste e analizzate le plastiche per quantità e qualità con una post sessione informativa ed educativa, è stato consegnato a ogni Stabilimento un decalogo dei buoni comportamenti per la prevenzione e la riduzione delle plastiche e poi si è proceduto all’assegnazione del premio alla squadra vincitrice, che è stata premiata con gelati e bibite fresche, condividendo allegramente foto sui social con hashtag #5minuteschallenge, #plasticfreebeaches, #schifidaspiaggia.

Le eco-animazioni sono state riprese per un video promozionale del progetto che sarà inviato anche alla Fondazione del Principato di Monaco, mettendo in risalto la bellezza di Terracina, delle sue coste e spiagge ma anche la precisa volontà di impegnarsi per affermarsi come meta mondiale di turismo sostenibile.

“E’ stata una iniziativa molto innovativa per Terracina- affermano Anna Giannetti, presidente del Circolo, e Felice Enrico Di Spigno, presidente Sib Balneari Terracina e coordinatore locale della rete del progetto internazionale #PlasticFreeBeaches.- ma anche divertente e istruttiva che ha coinvolto tutto il litorale e le spiagge, in questa bella stagione ancora piene di bagnanti, con squadre attive in ogni stabilimento che si sono fronteggiate, raccogliendo plastiche sulla spiaggia e in mare, ma che soprattutto hanno compreso in pochi minuti i rischi e i pericoli di un eccessivo consumo di plastiche, di una loro cattiva differenziazione o mancato riciclo e il loro impatto sull’ecosistema marino e sulla fauna marina.

Oltre tutti i partecipanti e la rete territoriale del progetto #PlasticFreeBeaches all’interno del prestigioso programma #BeyondPlasticMed-proseguono-, ringraziamo il gestore dei rifiuti cittadino De Vizia Urbaser Transfer SpA che ha anche partecipato attivamente ad alcune eco-animazioni, la Capitaneria di Porto- Guardia Costiera di Terracina e l’Ente Parco Riviera di Ulisse (uno dei parchi costieri più importanti del Lazio) per aver seguito con attenzione il nostro progetto e in particolar modo il nostro media Partner Radio Luna che ci ha seguiti quotidianamente con interviste radiofoniche e annunci relativi a tutta la programmazione sul litorale diffondendo anche interessanti pillole informative e interviste rilasciate anche dai bambini.

Il progetto, che dura un anno, continuerà con altre iniziative importanti sulla progressiva sostituzione delle plastiche usa e getta con bioplastiche, in collaborazione con Legambiente nazionale, KyotoClub e l’Associazione
ChimicaVerde Bionet, sull’utilizzo di acqua e detersivi alla spina, sul miglioramento della raccolta differenziata (in particolare la riduzione del rifiuto indifferenziato pro-capite e la promozione del riciclo) e nella direzione di una educazione ambientale continua nelle scuole e nella direzione di aiutare a raggiungere l’obiettivo di estendere la messa al bando delle buste di plastica non biodegradabili e compostabili con spessore inferiore ai 100 micron già in vigore in Italia, Francia e Marocco a tutti i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo.

Solo in Europa, infatti, ancora oggi, si utilizzano 100 miliardi di sacchetti di plastica ogni anno, con un consumo equivalente di 190 milioni di tonnellate di petrolio per la loro produzione. La loro messa al bando, quindi, potrebbe ridurre di molto il loro utilizzo, i consumi di greggio e le conseguenti emissioni di anidride carbonica che ne derivano. Lo dimostrano i dati relativi all’Italia, primo paese in Europa a mettere il bando ai sacchetti di plastica nel 2011, dove abbiamo assistito in cinque anni una riduzione nel consumo di sacchetti di plastica del 55% (da 200mila a 90mila tonnellate/anno) e una diminuzione in termini di CO2 di circa 900 mila tonnellate.

Terracina-concludono- può essere al centro di nuove politiche per la riduzione delle plastiche e ha la potenzialità, operando unita come dimostra la rete territoriale del progetto, di diventare presto un eco-distretto #plasticfree” all’attenzione degli Organismi Internazionali come l’Onu ed essere da esempio per l’Europa e il Mediterraneo.”