Seguici su

Cerca nel sito

Vice sindaco e assessori sotto processo, #Sperlonga cambia ‘Intervengano Ministro e Prefetto’

Sperlonga cambia: "L’unica soluzione è la nomina di commissario prefettizio che metta ordine in un’amministrazione comunale ormai in pieno caos.”

Vice sindaco e assessori sotto processo, #Sperlonga cambia ‘Intervengano Ministro e Prefetto’

Il Faro on line – “La giunta Cusani passa più tempo nelle aule dei tribunali che nelle stanze del Comune. Dopo il primo cittadino e l’assessore Maric, vengono imputati anche il vice-sindaco Faiola e l’assessore Cogodda, sotto processo per falso in atto pubblico.
Il Prefetto deve intervenire per porre fine a una situazione che va ben oltre l’anomalia politica e sconfina nello spregio delle più basilari regole democratiche”, affermano, in una nota, i membri di “Sperlonga cambia.”

Il 20 settembre, il giorno dopo l’udienza fissata per il processo a carico di Cusani, ne inizierà un altro che vede imputati il vice-sindaco Faiola e l’assessore Cogodda per falso in atto pubblico, in una vicenda legata al “caso Bazzano.”

“Su cinque componenti della giunta- proseguono i consiglieri di minoranza- sono ben quattro gli assessori sotto processo. Basterebbe il solo buon senso a motivare le dimissioni, ma visto l’atteggiamento irresponsabile di questa amministrazione è compito del Prefetto intervenire.

La macchina amministrativa è ferma, una vasta porzione del territorio comunale è sotto sequestro, la maggioranza, in difficoltà anche con l’ordinaria amministrazione e ormai delegittimata dalla mole di inchieste e procedimenti giudiziari a carico dei suoi rappresentanti, non può continuare a governare il paese. Il protrarsi di questa situazione rappresenta un danno a Sperlonga, all’amministrazione del Comune, all’intera comunità e alle istituzioni nel loro complesso.”

La situazione che si è creata a Sperlonga sta generando un danno irreparabile non solo al principio di legalità, ma produce effetti gravissimi all’interno della nostra comunità, soprattutto in relazione alla fiducia dei cittadini nei confronti delle istituzioni e della politica.

Questa maggioranza non è assolutamente nelle condizioni di continuare ad amministrare la cosa pubblica. Nelle prossime settimane l’amministrazione dovrà affrontare il problema della gestione dei rifiuti, della mobilità per sei operai comunali, del Piano integrato e anche del parcheggio di Bazzano. Questi argomenti non possono essere affrontati e gestiti da amministratori pubblici che, nel migliore dei casi, hanno causato il problema e, nel peggiore dei casi, come nel caso Bazzano, sono sotto processo per reati contro la pubblica amministrazione.

“Bisogna intervenire al più presto- concludono i consiglieri- per evitare danni irreparabili al nostro paese. Abbiamo scritto al ministro dell’Interno Minniti e al prefetto di Latina Faloni perché è necessario un loro intervento per porre fine a una situazione ormai grottesca. L’unica soluzione è la nomina di commissario prefettizio che metta ordine in un’amministrazione comunale ormai in pieno caos e il ritorno alle urne il prima possibile.”