Seguici su

Cerca nel sito

#Fiumicino, l’opposizione punta il dito sulla questione scuole

Il centrodestra: "Zero plessi realizzati, tasse aumentate e cantieri fermi, che flop"

Fiumicino, l’opposizione punta il dito sulla questione scuole

Il Faro online – “È assurdo come ogni anno semplici interventi di manutenzione nelle scuole ci vengano spacciati per opere fantasmagoriche e si trasformino in parate elettorali che nemmeno in Nord Corea si vedono”. – dichiarano i consiglieri Federica Poggio, Mauro Gonnelli, William De Vecchis, Raffaello Biselli.
“Perché invece di millantare il nulla – proseguono i consiglieri – questa amministrazione non ci ricorda quanti istituti scolastici sono stati finanziati e realizzati nei suoi 5 anni di governo? Zero. Perché non ci ricorda di quanto sono aumentate le rette per le mense e le scuole comunali dell’infanzia? Oltre il 50 per cento. Perché non ci ricorda quanti sono i bambini fuori dalle graduatorie di scuole dell’infanzia e asili? Quasi mille. Ma soprattutto dopo 5 anni che fine ha fatto il nuovo plesso di via Coni Zugna? Al netto di tutte le vicende il cantiere continua ad andare a rilento e la sua inaugurazione, a dispetto delle promesse, costantemente rimandata.

Siamo alle solite, – concludono i consiglieri del gruppo opposizione – per coprire un fallimento ci si ‘vende’ tutto e una romanella si trasforma in chissà cosa. Bisogna tornare con i piedi per terra. Basta spendere soldi in progetti inutili, basta buttare al vento milioni di euro per inseguire il sogno di un Auditorium o di un centro fitness all’aperto. Quei soldi vanno utilizzati per realizzare nuove scuole. Bisogna tornare a occuparsi delle cose reali: le famiglie prima di tutto”.