Seguici su

Cerca nel sito

#Nettuno, aggiornamento sulla questione dell’appalto rifiuti alla Ipi, ieri incontro in Comune

Mancini e Sajeva hanno deciso di incontrare tutti gli attori coinvolti nella vicenda per chiarire quanto messo in atto dall’amministrazione fino ad ora sull'annosa questione.

#Nettuno, aggiornamento sulla questione dell’appalto rifiuti alla Ipi, ieri incontro in Comune

Il Faro on line – Si è svolto ieri pomeriggio un incontro in Sala Serra fra il Comune e tutte le parti coinvolte dalla vicenda dell’appalto su Nettuno della Ipi srl amministrato dal Commissario Prefettizio dall’11 agosto 2016 al 31 luglio 2017: un periodo che ha visto difficoltà di varia natura nel servizio svolto in città, fino al momento apicale estivo in cui l’agenzia delle entrate e riscossioni ha bloccato i pagamenti, mettendo l’amministrazione in una situazione di emergenza rifiuti che l’ha determinata a preservare la salubrità ambientale con l’obiettivo di garantire gli stipendi dei dipendenti e le risorse economiche disponibili per il pagamento delle fatture che, dato anche il Durc non regolare in quel momento, non consentiva – per legge – di corrispondere alla società la fattura.

Di ogni passaggio, fino ad oggi compiuto, la cittadinanza e ogni soggetto coinvolto sono stati informati tramite i canali del Comune e tutto si può rintracciare nell’archivio delle notizie nel portale istituzionale.

L’assessore all’Ambiente Daniele Mancini e il dirigente d’area Benedetto Sajeva – su indicazione del sindaco Casto – hanno dunque scelto di incontrare tutti gli attori coinvolti per chiarire quanto messo in atto dall’amministrazione per due scopi, sottolineati dall’assessore a inizio incontro: “Tutela delle giuste retribuzioni maturate dai lavoratori fino al 31 luglio, data di termine del contratto in essere, e tutela delle risorse pubbliche”.

Alla presenza di operai, rappresentanze sindacali, Ipi srl gestione ordinaria rappresentata dall’Amministratore e dal socio di maggioranza, ma in assenza della Ipi gestione prefettizia che non ha inviato né delegati né note e comunicazioni al riguardo, l’amministrazione Comunale ha rappresentato con chiarezza i passi compiuti finora.

Relativamente al pagamento degli stipendi spettanti ai lavoratori, tutti sono stati informati della disponibilità immediata di questa amministrazione a pagare le somme dovute a fronte delle fatture della Ipi gestione prefettizia: attualmente non è infatti ancora possibile liquidarle dato un nuovo veto posto a fine agosto da parte dell’Agenzia Entrate Riscossioni (ex Equitalia) che ha inviato formale atto di pignoramento per l’anticipo versato dal Comune alla gestione amministrativa del commissario Moriconi.

Ciò a conferma che la grande prudenza nei passi compiuti da Sindaco e giunta con i dirigenti d’Area e gli uffici comunali competenti è stata l’unica strategia possibile davanti alla concreta presentazione dei fatti.

Tali informazioni possono rendere ulteriormente evidente anche ai cittadini come la situazione affrontata nelle scorse settimane dall’amministrazione sia stata esclusivamente orientata alla tutela del bene comune delle risorse pubbliche in gioco che sono state così preservate nelle casse comunali a garanzia – soprattutto – degli stipendi che sarebbero stati invece messi a rischio.

La determinazione a pagare – ribadita dall’amministrazione già dal 31 luglio – è stata ancora una volta oggi assicurata ai lavoratori e ai sindacati che hanno accolto l’incontro atteso e che sono stati personalmente ringraziati dall’assessore per l’impegno profuso nel loro lavoro pur senza ricevere stipendio dal mese di luglio.

Per quanto riguarda dunque le retribuzioni, l’assessore Mancini ha sottolineato la volontà di percorrere qualsiasi soluzione: “Siamo pronti ad assolvere le nostre responsabilità anche con un accordo sindacale che ci porti a pagare in surroga i lavoratori a livello personale, dando a ciascuno le spettanze maturate al 31 luglio, a fronte dell’impossibilità giuridica oggettiva, inconfutabile e incontrovertibile a pagare la Ipi della gestione straordinaria prefettizia: invito a tal fine le sigle sindacali a compilare l’elenco completo dei nomi mentre noi stiamo verificando già in tal senso.

La fattura di giugno fu pagata – non appena il Durc Ipi srl tornò regolare – solo perché sussistevano motivi di eccezionalità nella garanzia e continuità del servizio essenziale che ad oggi, subentrata la Tekneko, non esistono più. Ma siamo pronti a pagare oggi, come lo eravamo già ieri e attendiamo il quadro completo delle somme”.

Nel confronto della riunione, è intervenuto anche l’amministratore Ipi srl gestione ordinaria il quale
ha detto che ha già chiesto un incontro dal Prefetto per chiarire l’attuale situazione riguardo ai rapporti tra Ipi gestione ordinaria e Ipi gestione straordinaria.

Nel corso dell’incontro la Ipi gestione ordinaria si è inoltre detta disponibile alla soluzione della surroga ipotizzata dall’assessore in modo che il pagamento del Comune di Nettuno vada direttamente ai lavoratori.

Per quanto riguarda i Tfr dei dipendenti, sono tutti stati rassicurati dall’amministrazione comunale
del fatto che, in base alle informazioni in possesso, le relative somme sono già presenti presso il Fondo Tesoreria dell’Inps.

Relativamente all’area dell’Ecocentro di Nettuno in uso alla Ipi srl, il Comune lo ha già liberato dai rifiuti, ma sulla ripresa dell’area sarà la Ipi srl ad interfacciarsi con il Commissario Moriconi.

Gli interlocutori hanno quindi concluso l’incontro con un totale scambio di informazioni che hanno reciprocamente rassicurato circa la ferma volontà di tutti i presenti a chiarire ogni passaggio al fine di chiudere la vicenda dell’appalto di Nettuno.