Seguici su

Cerca nel sito

#Usa, l’uragano Irma non si ferma e colpisce i #Caraibi

Classificato a categoria 5, il livello massimo di pericolosità, registra i venti più forti mai rilevati nell’Oceano atlantico.

Più informazioni su

#Usa, l’uragano Irma non si ferma e colpisce i #Caraibi

Il Faro on line – Non sembra esserci pace per gli Stati Uniti ancora impegnati a risolvere gli ingenti danni causati dall’uragano Harvey che con il suo passaggio solo pochi giorni fa ha provocato un milione di sfollati , oltre 60 vittime e danni per quasi 180 miliardi di dollari in Texas e Lousiana.

La nuova minaccia si chiama Irma , classificato nella categoria 5 della scala, l’uragano ha registrato venti a 295 km/h , i piu’ alti mai rilevati nell’Oceano Atlantico e procede ad una velocità di 22 km. Secondo il National Hurricane Center l’uragano sarebbe grande come la Francia e potenzialmente catastrofico. Il Météo France ha annunciato l’arrivo di Irma nel mar dei Caraibi dove avrebbe toccato le isole di Saint Martin , Saint Barthéléemy e Barbuda, al momento prive di elettricità e linee telefoniche.

Sulla traiettoria dell’uragano ci sono Antigua, le isole Vergini Britanniche, Porto Rico , Repubblica Dominicana, Cuba e Stati Uniti, dove colpirebbe la Florida entro sabato. Dichiarato quindi lo stato di emergenza da parte del presidente Trump , a Porto Rico e nelle Isole Vergini. In Florida sono già iniziate le evacuazioni obbligatorie dei turisti e residenti, soprattutto nelle zone più a rischio di Miami e le isole Keys, nella contea di Monroe.

Forte rischio anche per le Bahamas dove il primo ministro Hubert Minnis ha ordinato l’evacuazione delle isole meridionali definendola la più grande evacuazione dovuta ad un uragano mai registrata nel paese. I residenti delle isole di Mayaguana, inagua, Crooked Island;Acklins ,Long Cay e Ragged Island, verranno trasferiti nell’isola di New Providence a Nassau, mentre, ha dichiarato il primo ministro, per le persone che rimarranno nelle zone evacuate non saranno disponibili soccorsi durante l’apice dell’uragano , previsto tra giovedì e venerdì.

Cancellati al momento diversi voli verso le isole caraibiche e incrementati i voli di rientro, le forze di soccorso sono state subito mobilitate in vista della nuova emergenza sulla cui entità rimangono molte incognite.

Più informazioni su