Seguici su

Cerca nel sito

‘StappUp’, un corso per entrare nel mondo dei vini

Il corso si terrà nei giorni 11, 18 e 25 settembre, dalle 17 alle 20. Info e iscrizioni: 339.7079441

‘StappUp’, un corso per entrare nel mondo dei vini

Il Faro on line – “E’ un’occasione unica che intende da una parte qualificare chi opera nel settore e dall’altra creare le condizioni per creare economia, sia sotto l’aspetto commerciale che di facilitazione al lavoro”. Sono le parole dell’assessore alle attività produttive del Comune di Fiumicino, Annamaria Anselmi, in riferimento al prossimo inizio del primo Corso base di Viticultura, patrocinato dal Comune.

Annamaria Anselmi

Annamaria Anselmi

“L’idea è semplice – spiega la Anselmi -: offrire gratuitamente agli operatori del settore (uno per azienda) e agli studenti (10 borse di studio oper ciascuno dei due istituti tecnici esistenti sul territorio) un qualificato stage per entrare nel mondo della viticoltura, dalla produzione al consumo, passando per la scelta da servire sulle tavole dei risotranti. E anche se l’Italia produce ottimi vini in ogni regione, si è pensato stavolta di iniziare dall’analizzare le produzioni di Lazio, Sardegna e Campania.

Poi spetterà agli operatori consigliare con consapevolezza ai propri clienti i vini di produzione locale, così come spetterà agli studenti proporsi nel mondo del lavoro conssci di quel valore aggiunto che la conoscenza del mondo vitivinicolo fa nel campo della ristorazione. Questa è l’idea dell’assessorato che guido: creare le condizioni per uno sviluppo concreto dell’intero asset, dalla produzione, e dunque la vendita, al consumo, passando per occasioni di lavoro”.

A permettere tutto questo è stata l’intuizione di Luca Marini e della sua Italyeno, che ha creato il primo corso base di cultura vitivinicola italiana, dal nome “stappUP”. “E’ un’importante ed innovativa opportunità culturale e professionale per gli Operatori del Settore della Città di Fiumicino: il vino è a tutt’oggi il più grande attrattore Turistico del nostro Paese – spiega Luca Marini – insieme alla Cultura (Enogastronomica, appunto) Storica, Artistica Italiana. tutti grandi patrimoni da tutelare e promuovere. Questi i motivi che ci hanno spinto a realizzare un Corso base, capace tuttavia di fare il punto in un momento di grande innovazione ed espansione della Viticultura Italiana, ricca di fermento e dinamismo esemplare”.

Locandina

Locandina “StappUp”

La Sede del Corso Base di Viticultura, Gratuito per i Professionisti del Settore, é presso il Borgo di Maccarese, a 2 km nord di Fregene, alla Casa della Partecipazione. L’addomesticazione della Vite (il passaggio da quella selvatica a quella coltivata) ha origini molto antiche e non distanti per tempi e luoghi dallo sviluppo dell’agricoltura nella mezza luna fertile. Popoli del mare e di terra (panmediterranei) hanno poi iniziato un lavoro sia di selezione genetica che di allevamento, i quali hanno entrambi contribuito allo sviluppo anche Culturale dell’uso del vino e alla sua diffusione. Indubbiamente la coltivazione ad alberello potrebbe essere considerata la più antica ed ancora visibile in molti “terroir” italiani, ma certamente non l’unica.

“Il cosiddetto mondo del vino – spiega ancora Marini – è oggi arrivato ad un apice molto elevato dal punto di vista degli usi e consumi nella Cultura umana globale. Il nostro Paese è senz’altro un potente faro che ne illumina il passato, presente e futuro. In questo universo davvero dinamico, in continua crescita e trasformazione, abbiamo bisogno di strumenti di base molto chiari per orizzontarci: una bussola che segni le direzioni di fondo nella conoscenza della Viticultura, tra Tradizione e Innovazione, tra Qualità e Quantità”.

Il corso si terrà nei giorni 11, 18 e 25 settembre, dalle 17 alle 20. Al di là delle wild-card gratuite, chiunque può iscriversi – a costi assolutamente contenuti – per passione, per approfondire le proprie conoscenza, per cultura personale, immergendosi nell’affascinante mondo del vino. Info e iscrizioni: 339.7079441