Seguici su

Cerca nel sito

Emergenza maltempo da #Ostia a #Fiumicino, esplode la polemica politica foto video

Poggio, Gonnelli, De Vecchis: "Sono anni che denunciamo il problema". Possanzini: "Una tragedia attesa, annunciata". Santori: "Romani cornuti e mazziati". Intanto il Campidoglio mette in campo il Coc

Emergenza maltempo da #Ostia a #Fiumicino, esplode la polemica politica

Il Faro on line – Dopo i violenti temporali che questa mattina hanno messo in ginocchio il litorale, esplode la polemica politica: tra case e negozi allagati, chiusini ostruiti e automobilisti intrappolati, è un grido di allarme contro la mancanza di un piano di emergenza e l’assenza di manutenzione.

Fiumicino

A Fiumicino sono i consiglieri comunali Federica Poggio, Mauro Gonnelli, William De Vecchis a denunciare la situazione: “Un semplice acquazzone di fine estate, nulla di paragonabile al dramma che ha purtroppo colpito la Toscana, ha messo letteralmente in ginocchio la città. Case ed esercizi commerciali allagati, automobilisti intrappolati nelle strade che si sono trasformate rapidamente in piscine” – afferma l’opposizione in una nota stampa.

“È stato palese a tutti che il sistema di raccolta meteorica non abbia funzionato e sia andato in tilt, ostruito, a causa dei mancati interventi di manutenzione. Sono anni che denunciamo il problema ed anni che non si fa nulla. Finiamo per ripetere sempre le stesse cose.

Ancora più grave è che sebbene fosse stata diramata un’allerta meteo non sia stato predisposto alcun piano in caso di emergenza. La protezione civile ha fatto quello che poteva ma era impossibile intervenire ovunque e i cittadini, ancora una volta, si sono dovuti sostituire all’amministrazione comunale.

Emblematico che anche il palazzo comunale si sia allagato mentre dentro era vuoto: nessun tavolo di emergenza, sindaco, assessori e consiglieri di maggioranza assenti o in vacanza. Quando diciamo che bisogna tornare a pensare ai problemi quotidiani ci riferiamo proprio a questo. Non abbiamo bisogno di autostrade per Marte ma di un’amministrazione attenta ai problemi reali di questa città” – concludono i consiglieri di opposizione.

Ostia

“La situazione drammatica, servono immediatamente uomini e mezzi per mettere in sicurezza la vita delle persone intrappolate nelle abitazioni sommerse” – sono le parole di Marco Possanzini, Segretario Sinistra Italiana X Municipio sulla situazione del litorale dopo le piogge torrenziali di stamattina.

” Ad Infernetto, così come in molti quartieri del Municipio X, ci sono persone intrappolate nelle abitazioni completamente invase da acqua e liquami. Un dramma, l’ennesimo, amplificato dalla totale mancanza di uomini e mezzi necessari per fronteggiare questi eventi catastrofici.

Una tragedia attesa, annunciata, amplificata enormemente dall’incuria, dalla mancanza di programmazione, dalla mancanza di pianificazione sugli interventi, dai tagli alle risorse pubbliche che hanno determinato un impoverimento pesantissimo di personale operativo e di mezzi a disposizione per le emergenze. I centralini sono probabilmente intasati, nessuno risponde ai numeri di primo soccorso e non si vedono mezzi anfibi all’opera nei quartieri colpiti dalla tragedia.

Non è il momento di fare polemiche sterili, ma chi ha delle responsabilità è il momento che se le assuma tutte senza scrollarsele di dosso come è sempre accaduto in passato. Chiediamo un intervento immediato di Comune, Prefettura, Regione e Governo Nazionale, per mettere immediatamente in sicurezza le persone colpite dall’alluvione di questa mattina” – conclude Possanzini.

A causa del maltempo è stato rinviato il concerto in memoria di Trovajoli. L’Assessorato alla Crescita Culturale, insieme alla Casa del Jazz, ha stabilito di rinviare il concerto jazz “Trovajoli 100” organizzato dal Comune per questa sera al Teatro del Lido di Ostia alle ore 21 con i pianisti Enrico Pieranunzi, Rita Marcotulli, Alessandro Lanzoni, il trombettista Fabrizio Bosso, il sassofonista Rosario Giuliani, il contrabbassista Luca Fattorini, il batterista Marco Valeri gli attori e cantanti Gianluca Guidi e Emy Bergamo, protagonisti di tanti musical composti dal Maestro Trovajoli.

Roma

Romani cornuti e mazziati e turisti impressionati dall’inadeguatezza di questa capitale europea”. A parlare è Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia che prosegue: “Sono clamorose le centinaia di foto e video che i cittadini stanno inviando da tutta Roma per testimoniare l’indignazione verso la vergognosa situazione che si è determinata dopo le annunciate piogge di questa mattina”.

Automobili bloccate nell’acqua, persone impossibilitate ad uscire dai cancelli delle proprie abitazioni, incroci allagati e circolazione praticamente in tilt su tutto il territorio. Metro allagate e grande viabilità impraticabile e addirittura autobus allagati con utenti a bordo. Ecco a cosa porta la sottovalutazione, l’inadeguatezza e la superficialità di un’amministrazione che, nonostante il maltempo fosse stato annunciato con largo anticipo, non ha fatto nulla per evitare questa assurda condizione della Capitale d’Italia.

D’altronde, se non si pianifica in anticipo la pulizia di caditoie, tombini e strade è automatico l’allagamento della città ma non solo quello che i romani ritengono inaccettabile è anche il tam tam mediatico di promesse fatte sull’intensificazione della pulizia dei tombini da parte di Ama.

Dalla sindaca Raggi nei giorni scorsi non è arrivata alcuna indicazione alla cittadinanza, non un invito a restare in casa salvo urgenze, né un piano strategico di controllo e monitoraggio del maltempo, tanto che molti cittadini hanno lamentato la totale assenza di pattuglie della Polizia locale sul territorio. Il M5S non è stato in grado di gestire l’emergenza siccità dei mesi scorsi, né l’allarme meteo di queste ore. Quella dei grillini è una pericolosa incapacità che si riversa su Roma e sui romani ormai ogni giorno” – conclude Santori.

Gli fa eco sulla sua pagina Facebook Barbara Saltamartini vice capogruppo alla Camera della Lega Ncs: “Che a Roma stesse per arrivare un nubifragio lo si sapeva da giorni. L’allerta era alta. E, come previsto, ora la Capitale è allagata. Strade chiuse, alberi a terra, sottopassi ormai diventati piscine. Ma perché nessuno in Campidoglio ha pensato di fare almeno una preventiva pulizia dei tombini ostruiti da foglie e sporcizia al fine di favorire almeno un migliore deflusso di acqua? Ah già, a Roma governano i grillini e il sindaco si chiama Virginia Raggi. Incompetenti e pericolosi”.

“tra il dire e il fare… oggi Ferrara non ha niente da comunicare sul #decimoriparte ?” – così su Facebook la consigliera capitolina del Partito Democratico, Valeria Baglio. “Quando ci si improvvisa amministratori basta un violento temporale per spazzare via la propaganda. Intanto a Roma manca da quasi un anno un capo della Protezione Civile e un Piano aggiornato. Oggi al Campidoglio non rimane che invitare i cittadini a rimanere in casa e a non frequentare i parchi della città. Il Movimento 5 Sstelle guidato da un comico pensa di far politica con # e battute, a tale proposito ricordo quello di Di Battista che nei giorni di pioggia lanciava l’hashtag #sottomarinodimettiti Ecco, il Paese e la Città hanno bisogno di altro!” – conclude Baglio.

Dipartimento Simu in campo con il Coc per presidiare la situazione

Il Dipartimento Infrastrutture (Simu – Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana) presidia la situazione maltempo in sinergia con il Coc (Centro Operativo Comunale), convocato ieri dalla sindaca di Roma Virginia Raggi a seguito all’allerta meteo nella Capitale diramata dal Sistema di Protezione Civile.

In campo 15 squadre del Simu al lavoro sulle strade a maggior rischio allagamento, per predisporre disostruzioni e allontanamento delle acque meteoriche. Già risolti i casi di allagamenti stradali segnalati su via Cristoforo Colombo, via Oceano Atlantico, piazza Colosseo, piazzale Ponte Milvio, via Capannelle, Piazzale Verano, mentre su via Tiburtina e piazza di Porta Capena sono stati rimossi foglie e aghi di pino.

Operative anche le squadre municipali e le imprese di pronto intervento.

In vista delle precipitazioni – che oggi hanno assunto carattere di eccezionalità, avendo superato i 100 mm di pioggia in sole tre ore anziché 70 mm diluiti in tutta la giornata – nel corso di queste settimane è stata anticipata e intensificata la pulizia delle caditoie per prevenire occlusioni e allagamenti. Oltre 100 le arterie cittadine interessate dalla manutenzione: dal Lungotevere a via Tiburtina, via Monti Tiburtini, via Cipro, viale Palmiro Togliatti e via Casilina, fino alle diverse sedi tranviarie.