Seguici su

Cerca nel sito

#Latina, ruspe in azione per ripulire il canale dell Acque Medie foto

Associazione BorghInBici, 'C'è sempre un ma... come a dire che i borghi non fanno parte della citta"

Latina, ruspe in azione per ripulire il canale dell Acque Medie

Il Faro online – “Abbiamo letto con vivo interesse, e notevole speranza, la dichiarazione congiunte del Consorzio di Bonifica e del Comune di Latina di qualche settimana fa, con al quale si dava il via ad una collaborazione tra Enti tale che ‘gli interventi programmati per l’autunno e funzionali a garantire, come ogni anno, il corretto deflusso delle acque e la manutenzione dei canali, sono stati anticipati di qualche mese anche e soprattutto a seguito della richiesta del comune di Latina di un intervento immediato mirato anche alla prevenzione incendi, la messa in sicurezza delle abitazioni, della circolazione stradale e per la tutela della pubblica incolumità nel perimetro cittadino'”. Dichiarano in una nota le Associazioni BorghInBici, Borgo Faiti e Borgo San Michele.

“Una buona notizia – prosegue l’Associazione – suffragata dalle ruspe che abbiamo visto in funzione in diversi punti intorno alla città, tra cui il canale delle Acqua Medie, ma… Perché, come in tutte le cose per quanto riguarda Latina, esiste sempre un ma…, quel ‘particolare che rovina la festa’ e che fa allargare le braccia ai cittadini sconsolati. Nella fattispecie parliamo della manutenzione e pulizia di questo canale portata avanti fino al primo tratto che costeggia via Torrenuova fino alla prima curva all’altezza di via dei Liguri. Poi le ruspe e lavori si sono fermati lasciando tutto il tratto fino b.go San Michele nelle stesse condizioni di incuria, erba alta e rovi in cui si trovava prima…”.

“Come dire concludono le Associazioni BorghInBici – i borghi non fanno parte della città e per quello che li riguarda le sponde dei canali possono rimanere intransitabili, piene di erbacce incolte, con le barriere abusive che impediscono il passaggio a piedi, con alberi ed arbusti che ostacolare il deflusso delle acque e con una situazione che si è dimostrata potenziale veicolo di propagazione di incendi. Ma quest’ultimo argomento, visto l’arrivo delle prime piogge è da destinare alle cronache …della prossima estate.