Seguici su

Cerca nel sito

Al Castello di #SantaSevera il raduno Club Porsche 356

L'evento è riconosciuto dalla casa madre ed è attualmente il secondo in Europa per numero di soci iscritti.

Il Faro on line – Nuovo appuntamento per le manifestazioni di interesse storico automobilistico al Castello di Santa Severa: oggi domenica 17 settembre  alle ore 11 risuoneranno tra le mura del castello i motori rombanti delle auto d’epoca Porsche, del Raduno Nazionale del Registro Italiano Porsche 356.

Evento collegato al Circuito Storico S. Marinella della 1^ Edizione del “Trofeo Dolce Vita” dello scorso 1 luglio e che inserisce il complesso monumentale affacciato sul mare  tra le tappe per gli equipaggi che transitano sull’Aurelia.

L’evento curato da Daniele Padelletti è organizzato  nell’ambito dell’Estate della Regione Lazio,  con il patrocinio del Comune di Santa Marinella e in collaborazione con LAZIOcrea,  Mibact, Coopculture e Registro Italiano Porsche 356.  I “Club Porsche 356” sono 16 nel mondo, quello italiano nato nel 1982, è riconosciuto dalla casa madre ed è attualmente  il secondo in Europa per numero di soci iscritti, dopo la Germania, dove negli anni ’50’, sono nati i primi club di appassionati e terzo nel mondo, dietro al mitico Type 356 negli Stati Uniti.

Alle 11 appuntamento al piazzale del Castello di Santa Severa per l’arrivo degli equipaggi dove si potranno ammirare dal vivo allestimenti e particolari delle celebri autovetture anche posizionate all’interno dei cortili e dei piazzali del Castello. Dopo la visita guidata alle 12, il sindaco di Santa Marinella, Roberto Bacheca, il delegato al Castello, Emanuele Minghella consegneranno targhe e riconoscimenti a Renzo Ponzanelli,  presidente del Registro Italiano Porsche.

Durante la cerimonia  sarà annunciata la 2^ Edizione del “Trofeo Dolce Vita” del Circuito Storico di Santa Marinella, intitolato questa volta a Guglielmo Marconi e di cui sarà madrina la principessa Elettra Marconi, già cittadina onoraria di S. Marinella.

E per finire shooting fotografico con alcune modelle dell’Atelier Lara Roggi.