Seguici su

Cerca nel sito

Fiamme Oro Rugby, al Gelsomini arriva Mogliano, Guidi, ‘Pronti a verificare i progressi’

XV cremisi scelto per la prima in casa. In campo anche con “Salvamamme” e i rugbisti di Livorno e Scampia

Fiamme Oro Rugby, al Gelsomini arriva Mogliano, Guidi, ‘Pronti a  verificare i progressi’

Il Faro on line – Mancano poco più di 24 ore all’inizio della nuova stagione dell’Eccellenza e le Fiamme si presentano pronte ai blocchi di partenza, ricominciando proprio da lì dove si è concluso l’ultimo campionato. Infatti, sabato 23 settembre alle 15, tra le mura amiche della caserma “Stefano Gelsomini”, il XV della Polizia di Stato si ritroverà davanti quel Rugby Mogliano contro il quale chiuse il 2016/17 con una sonora vittoria (per la cronaca finì 68 a 20) che, però, non gli valse la zona playoff, dalla quale rimase escluso per due soli punti.

Le Fiamme si presentano ai nastri di partenza dell’Eccellenza 17/18 dopo un precampionato impegnativo, con ben quattro amichevoli di livello (Medicei, Rovigo, Calvisano e Lazio) disputate proprio per misurare la competitività e la compattezza del team cremisi che, da questa stagione, vede al timone Gianluca Guidi: «Siamo pronti a verificare sul campo i progressi, nel gioco e nelle dinamiche di gruppo, che ho potuto constatare durante tutta la fase di preparazione – ha dichiarato il coach livornese – affronteremo una squadra da prendere con le molle: è ben allenata, con molti giovani entusiasti di iniziare una nuova avventura in campo, ma anche con elementi di esperienza capaci di fare la differenza».

Quella di sabato sarà anche una giornata particolare alla caserma “Gelsomini”, dove avranno luogo due eventi importanti: il primo sarà organizzato dall’associazione “Salvamamme” che, in collaborazione con le Fiamme, presenterà il progetto “Nursery in Rete 2.0 & i bambini crescono” e, all’inizio del match, con una sfilata di carrozzine e passeggini, saluterà l’ingresso in campo dei giocatori delle due squadre e offrirà centinaia di gelati a tutti i bimbi presenti all’evento, grazie al progetto “Gelato sospeso 3.0”. Il secondo momento si svolgerà alla fine del match, quando i ragazzi del Livorno Rugby e dello Scampia Rugby effettueranno un allenamento congiunto sul sintetico di Ponte Galeria. Un evento voluto fortemente anche da coach Gianluca Guidi, per ricordare l’alluvione che ha colpito la città toscana lo scorso 10 settembre: «Da livornese mi sento ovviamente coinvolto da quanto accaduto – ha detto Guidi – mi sembra sia doveroso non dimenticare quanto è successo e anche ricordare chi non c’è più. Noi delle Fiamme abbiamo deciso di farlo nel modo che ci è più caro: giocando a rugby».

Per quanto riguarda la formazione che scenderà in campo sabato, questo sarà il XV scelto dallo staff tecnico cremisi: in prima linea, al fianco del tallonatore Alain Moriconi, i due piloni Fabio Cocivera e il neoacquisto George Iacob; alle loro spalle prenderanno posto Davide Fragnito ed Emiliano Caffini, con i due flanker Filippo Cristiano e Iacopo Bianchi, che esordisce in maglia cremisi non avendo potuto disputare le amichevoli a causa della squalifica rimediata durante l’ultimo Mondiale U20; a numero 8 ci sarà il nuovo capitano delle formazione della Polizia di Stato, Mirko Amenta; in cabina di regia, accanto a Filippo Buscema, torna dal primo minuto Luca Martinelli, mentre i due centri saranno Pietro Valcastelli e Roberto Quartaroli; il triangolo allargato sarà composto dalle due ali, Andrea Bacchetti e Michele Sepe, e dal nuovo arrivo, il neozelandese Chauncy Edwardson. In panchina siederanno: Amar Kudin, Niccolò Zago, Giuseppe Di Stefano, Matteo Cornelli, Matteo Zitelli, Guido Calabrese, Luca Roden e Marco Di Massimo.

Direzione di gara affidata al livornese Angelucci, che sarà assistito dai giudici di linea Tomò e Chirnoaga e dal quarto uomo Romani.

La probabile formazione

Edwardson, Sepe, Quartaroli, Valcastelli, Bacchetti, Buscema, Martinelli, Amenta (cap.), Cristiano (v. cap.), Bianchi, Caffini, Fragnito, Iacob, Moriconi, Cocivera

A disposizione: Kudin, Zago, Di Stefano, Cornelli, Zitelli, Calabrese, Roden, Di Massimo