Seguici su

Cerca nel sito

​Voci d’archivio, fatti e persone di #Maccarese tra azienda e comunità foto

L'evento prende spunto dalla donazione all'Azienda Agricoladi un insieme di documenti raccolti dallo storico Alfredo Martini.

Il Faro on line – Venerdì 29 settembre alle ore 10, nel Castello di San Giorgio a Maccarese (Fiumicino, Roma), la Maccarese SpA Società Agricola e la Fondazione Benetton Studi Ricerche organizzano l’incontro pubblico Voci d’archivio: fatti e persone di Maccarese tra azienda e comunità.

L’evento prende spunto dalla donazione all’Azienda Agricola Maccarese di un insieme di documenti raccolti dallo storico Alfredo Martini nel corso di un lavoro di ricerca – svolto negli anni novanta del Novecento – sulla storia dell’azienda e della comunità di Maccarese. Un dono che va ad arricchire di altri importanti elementi l’archivio storico dell’azienda, che a breve troverà casa nei nuovi spazi restaurati del Castello di San Giorgio a Maccarese, che saranno aperti in anteprima per l’occasione.

L’Azienda agricola Maccarese, nata alla fine degli anni venti del Novecento, costituisce una delle più grandi realtà imprenditoriali agricole italiane. La sua storia è intimamente connessa, non solo con la comunità di Maccarese che si sviluppa e si articola attorno alla vita dell’azienda e grazie alla sua crescita, ma anche con alcuni grandi temi della storia italiana del secolo scorso: le bonifiche e il relativo dibattito scientifico e politico che attorno a esse si sviluppa, le tecniche e le politiche di produzione agraria e zootecnica, le lotte sindacali del secondo dopoguerra, tutti temi su cui la Maccarese costituisce, a livello nazionale, un costante riferimento.

La parte più rilevante dei materiali donati da Alfredo Martini è costituita da una trentina di interviste a lavoratori che hanno svolto un ruolo importante all’interno dell’azienda e a Vittorio Ronchi, che ne fu direttore generale tra il 1937 e il 1943. Una vicenda di persone e territori, così come emerge dalla ricostruzione dei diversi punti di vista di chi ha fatto e vissuto Maccarese.

Le fonti orali, oggetto di un rinato e diffuso interesse come fonti storiche e documenti di straordinaria importanza e suggestione, consentono in questo caso di raccontare Maccarese partendo dalla storia delle persone e ricercando, nell’archivio, lo specchio di questa testimonianza documentaria.
Sarà dunque anche l’occasione per condividere una riflessione sugli archivi, sulla loro capacità di aggregazione e sulla possibilità di interazione con altre realtà del territorio.

Partecipano all’incontro: Esterino Montino, sindaco, Comune di Fiumicino; Silvio Salera, amministratore delegato, Maccarese Spa Società Agricola; Alfredo Martini, storico; Daniela Perco, antropologa; Giovanni Contini Bonacossi, storico e presidente Aiso- Associazione italiana di storia orale; Paolo Isaja, direttore dell’Ecomuseo del Litorale Romano; Lidia Piccioni, Dipartimento di Storia Culture Religioni, Sapienza Università di Roma; con il coordinamento di Francesca Ghersetti, Fondazione Benetton Studi Ricerche.

L’archivio dell’Azienda Agricola Maccarese è oggetto di un progetto di recupero e valorizzazione avviato nel 2014 dalla Società Maccarese, in collaborazione
e con il coordinamento della Fondazione Benetton Studi Ricerche, e con la partnership della Società di Servizi Archivistici Memoria Srl e del DigiLab-Centro interdipartimentale di ricerca e servizi, Sapienza Università di Roma. È costituito da cinquecento metri lineari di documenti, registri e faldoni, decine di migliaia di fogli, appunti, statuti e bilanci, verbali di riunioni e incontri, fotografie, disegni tecnici e planimetrie, registri contabili e di produzione, documenti di progetto, corrispondenza con enti e istituzioni, ruoli e fascicoli del personale. La straordinaria quotidianità che dal 1925 ha portato un latifondo dei Principi Rospigliosi a diventare la più grande azienda agricola del nostro Paese. 3.200 ettari di ottima terra, che sono oggi di proprietà e in gestione all’Azienda Agricola Maccarese, società del Gruppo Benetton.