Seguici su

Cerca nel sito

Alfasigma di #Pomezia, il Sindaco incontra i rappresentanti dei lavoratori e scrive alla società

Fucci: "Si coinvolgano tutti i soggetti necessari alla costruzione di un piano industriale che salvaguardi l’azienda fornendo garanzie e tutele a tutti i lavoratori."

Il Faro on line – “Lo stabilimento ex Sigma-Tau, ora Alfasigma, rappresenta per Pomezia- ha affermato il Sindaco, in una nota inviata all’amministratore delegato della società,dopo aver incontrato i rappresentanti dei lavoratori della sede di Pomezia,in stato di agitazione per l’avvio delle procedure di licenziamento nei confronti di 138 dipendenti e 14 dirigenti– la storia del tessuto industriale e produttivo della città, di cui il settore farmaceutico è sempre stato il fiore all’occhiello.

Questo si è tradotto in un bacino occupazionale ampio che tocca centinaia di famiglie del territorio, oggi in grave crisi a causa dell’annuncio di esuberi e trasferimenti ad opera della vostra società.

Il 21 settembre scorso ho incontrato i rappresentanti dei lavoratori dello stabilimento di Pomezia. Mi faccio portavoce delle loro istanze per rappresentarvi, non soltanto il dramma di chi può ritrovarsi da un momento all’altro senza un posto di lavoro, ma le gravi ricadute sociali che vedrebbero in forte difficoltà la nostra città e i nostri concittadini. I 152 licenziamenti annunciati, così come i 73 potenziali trasferimenti verso le altre sedi del gruppo che coinvolgerebbero per l’80% lavoratrici, si traducono per la nostra città e per l’intero Paese in famiglie in difficoltà, crisi occupazionale e danni al comparto farmaceutico”.

Il mio è un appello affinché si coinvolgano tutti i soggetti necessari alla costruzione di un piano industriale che salvaguardi l’azienda fornendo garanzie e tutele a tutti i lavoratori – conclude il sindaco Fucci.– Sono vicino alle lavoratrici e ai lavoratori di Pomezia e mi auguro che si riesca a trovare una soluzione per loro, per lo stabilimento di Pomezia e per tutte le famiglie del territorio coinvolte”.