Seguici su

Cerca nel sito

Integratori online: quelle nuove sostanze alimentari pericolose negli integratori

L'allarme dalla Francia, specie nelle palestre, ma tutta l'Europa è in pericolo

Più informazioni su

Il Faro on line – L’ultimo allarme è giunto da Rasff, il sistema di allerta rapido europeo per alimenti e mangimi che ha comunicato la commercializzazione, specialmente in rete di preparati che promettono veri e propri “miracoli” e non di rado sono fuorilegge. Dopo averli assunti, sono stati diversi i giovani a essere ricoverati nei reparti di terapia intensiva.

I prodotti in questione contengono quasi sempre sostanze come la “Rigidula Acacia”, “agmatina solfato” ” Epimedium” e “Hoodia gordonii” che rappresentano l’ultima trovata per immettere sul mercato nuovi integratori alimentari, commercializzati quasi sempre attraverso il web. Sono state le autorità sanitarie francesi a mettere nel mirino i nuovi preparati. Diversi gli effetti riscontrati nei pazienti che hanno dichiarato di averli assunti: dall’alterazione del ritmo circadiano (l’alterazione del ciclo sonno veglia) alla comparsa di allucinazioni.

Fortunatamente sinora non è stato segnalato alcun decesso, anche se non si può escludere che il nuovo mix di sostanze possa essere stato assunto già in passato e non segnalato, in ragione della scarsa conoscenza che c’era dei nuovi prodotti. L’allarme partito dalla Francia.

È la stessa Agenzia Europea (Rasff), a ricordare che «la normativa europea ad oggi vieta di fatto le farmacie online, ma non impedisce tuttavia ai potenziali acquirenti di rivolgersi a farmacie in rete non autorizzate e pericolose». Di conseguenza diventa anche più difficile intercettare la distribuzione di prodotti – farmaci e integratori, per uso umano e veterinario – potenzialmente letali, quasi sempre diretti agli sportivi e a chi mira a perdere i chili di troppo.

Negli ultimi anni diverse sono state le operazioni condotte anche in Europa: per arrestare il traffico di integratori contenenti dimetilammina (stimolante vietato in quasi in tutto il mondo e inserito in integratori alimentari) e dinitrofenolo (un fertilizzante “riscoperto” come dimagrante).

Dagli Stati Uniti, invece, è arrivato l’invito a diverse aziende – con la firma della Food and Drug Administration – a ritirare integratori contenenti beta metilfenilamina, un analogo delle anfetamine, aggiunto come “dimagrante” ed energizzante”.

A scuotere l’ente regolatorio è stato un articolo pubblicato sulla rivista Drug Testing and Analysys che evidenziava come questo stimolante fosse presente in oltre la metà di 21 integratori alimentari analizzati con acacia rigidula, senza che la sua sicurezza sull’uomo sia mai stata studiata. Secondo il Nucleo Antisofisticazione dei Carabinieri “il mercato illegale dei farmaci rende più di quello della cocaina”.

Il commercio dei medicinali contraffatti garantisce guadagni liquidi compresi tra 50 e 200 miliardi di euro. Ecco perché l’orizzonte, già da qualche tempo, ha iniziato a fare gola alle organizzazioni criminali.

Più informazioni su