Seguici su

Cerca nel sito

#Acilia Parco della Madonnetta Cavino, ‘L’emblema di una politica malata che tende all’abbandono” foto

Arcamone: "Parteciperemo alla conferenza stampa indetta dal Comitato"

Il Faro online – “Vogliamo testimoniare la nostra vicinanza al Comitato del parco della Madonnetta che da anni si scontra con burocrazia e malafede, le stesse che hanno portato alla distruzione di un luogo virtuoso, punto di riferimento sociale, sportivo e culturale di tutto il nostro Municipio”. È quanto dichiarano Gianluca Cavino e Mirella Arcamone, entrambi candidati alle prossime elezioni municipali nella lista Laboratorio Civico X per De Donno Presidente.

“Negli ultimi anni – proseguono – abbiamo assistito all’uccisione di luoghi di aggregazione sociale fondamentali per la nostra comunità. In nome della legalità e della lotta alla mafia si sono cancellate esperienze che paradossalmente potevano essere l’antidoto contro il malaffare”.

“Il parco della Madonnetta, – affermano i candidati – esperienza di eccellenza del nostro territorio, è praticamente distrutto, violentato dalla burocrazia, colpito da atti incendiari, a fronte di promesse vuote dell’Amministrazione e di una indifferenza colpevole. Non è stato distrutto solamente un luogo, è stata cancellata una delle esperienze più virtuose dei Punti Verdi Qualità. Un luogo che ne ha rispettato la filosofia, per la quale il concessionario non è il padrone del parco ma il gestore di uno spazio pubblico e cioè ‘di tutti. Non ci risultano colate di cemento che abbiamo visto purtroppo in altre esperienze nel nostro Municipio”.

“Spiace constatare che anche in questo caso la legalità, o presunta tale, non fa rima con giustizia sociale, che una burocrazia stupida, che l’immobilismo dell’Amministrazione paralizzino la città e uccidano lo sviluppo sano dei Municipi”.

“Parteciperemo alla conferenza stampa indetta dal Comitato – concludono Arcamone e Cavino – e daremo il nostro contributo, poiché la nostra vicinanza al parco è stata dimostrata in altre occasioni con atti concreti e costanti, non solo adesso che si avvicina la scadenza elettorale”.